Cresce la tensione tra Usa e Germania sul fronte delle rete 5G. Il presidente americano Donald Trump, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, ha inviato una lettera ad Angela Merkel dicendo che se i tedeschi intendono aprire le porte a Huawei per la realizzazione delle reti 5G gli Usa sono pronti a limitare la loro collaborazione con la Germania nel campo dell’intelligence. Il testo porta la data di venerdì 8 marzo e la firma dell’ambasciatore americano a Berlino Richard Grenell, ed è stata spedita al ministero dell’economia tedesco.

E’ la prima volta che gli Stati Uniti lanciano ufficialmente un monito a un Paese alleato sul dossier Huawei, minacciando conseguenze alle capitali che dipendono anche dalle informazioni di intelligence Usa per contrastare soprattutto il terrorismo. Nella lettera inviata al governo tedesco l’ambasciatore Grenell sottolinea quindi come sistemi di comunicazione sicuri sono fondamentali ai fini della cooperazione nel campo della difesa e dell’intelligence, compresa quella all’interno della Nato. Il diplomatico aggiunge che le società controllate dallo stato cinese come Huawei o Zte potrebbero quindi compromettere gli scambi di informazioni segrete e confidenziali tra i Paesi alleati.

La missiva è arrivata poche ore dopo che Huawei aveva ufficializzato il lancio di un’azione legale contro gli Stati Uniti, contestando la legge varata dall’amministrazione Trump che vieta a tutte le agenzie federali e governative di utilizzare dispositivi del produttore cinese. Una norma definita “incostituzionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Algeria, Bouteflika: ‘Non mi ricandido per il 5° mandato’. E rinvia le presidenziali

prev
Articolo Successivo

Bruxelles, ergastolo per l’autore della strage al museo ebraico del 2014

next