La morte di Luke Perry, il Dylan di Beverly Hills 90210, ha commosso i molti che si erano affezionati all’attore. Secondo Forbes, Perry aveva fatto testamento nel 2015: una scelta che, stando a quanto raccontato da un suo amico, l’attore avrebbe fatto dopo un controllo in ospedale. Nessuna malattia venne diagnosticata a Luke al momento ma lui pensò comunque di indicare come avrebbero dovuto essere gestiti i suoi averi che, sempre a quanto si legge su Forbes, ammontavano a dieci milioni di dollari. I soldi sarebbero stati trasferiti ai figli disponendo di un trust. La fidanzata non compare nelle disposizioni testamentarie. Ma non è tutto. Perry aveva anche lasciato detto ai suoi familiari come comportarsi nel caso in cui si fosse trovato in gravi condizioni ed è per questo che dopo l’ictus la decisione è stata quella di staccare la spina, una volta venuti a conoscenza del fatto che l’attore non si sarebbe più ripreso.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isola dei Famosi 2019, Vladimir Luxuria: “L’unico povero disgraziato qui è proprio Riccardo. La figura della moglie non mi è chiara”

next
Articolo Successivo

Meghan Markle nel mirino degli haters: insulti razzisti, “vai a casa” e l’icona della banana. In azione i servizi segreti

next