È morto un operaio molisano di 63 anni nell’incidente che si è verificato questa mattina intorno alle 7.45 sulla piattaforma Barbara F dell’Eni, a circa 60 chilometri al largo di Ancona. Secondo quanto reso noto da Eni, la gru che stava effettuando delle operazioni di carico si sarebbe staccata dalla struttura finendo in mare. Nella caduta, la gru ha colpito il rimorchiatore di supporto ferendo due persone a bordo dell’imbarcazione.

L’operatore della gru caduta in acqua, un dipendente Eni che risultava disperso, è stato localizzato alcune ore più tardi nella cabina a 70 metri di profondità. Da quanto si apprende l’operaio, con esperienza ultradecennale, domani avrebbe dovuto lasciare la piattaforma a conclusione del periodo di lavoro. I due operai feriti, operatori della società Bambini di Ravenna di 53 e 48 anni, sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale Torrette di Ancona con un elicottero dell’Eni su cui erano stati imbarcati preventivamente medici del 118. Uno è in prognosi riservata e l’altro ne avrà per un mese, ma non sono in pericolo di vita.

Le ricerche, iniziate alle 9.30, sono condotte da tre sommozzatori dei vigili del fuoco del capoluogo marchigiano e da motovedette della guardia costiera. Impegnato anche un elicottero HH139 dell’aeronautica militare. L’elicottero, appartenente all’83esimo gruppo Csar (combat search and rescue) del 15esimo stormo di Cervia, sta operando congiuntamente ad una motovedetta della Capitaneria di porto di Ancona.

Come ha fatto sapere la Capitaneria di porto, durante le operazioni di trasbordo di un bombolone di azoto si è verificato il cedimento strutturale delle infrastrutture su cui era installata la gru di sollevamento. Cedimento che ha causato la caduta in mare della gru e della relativa cabina di comando. Attualmente la gru e la cabina sono sostenute dai cavi di tenuta della piattaforma e sommerse a circa 30 metri di profondità. La procura di Ancona, intanto, ha aperto un’inchiesta sull’incidente con l’ipotesi di omicidio colposo. Inviati tecnici della guardia costiera e dei vigili del fuoco per sequestrare la gru e definire le cause dell’acccaduto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, Bloomberg: “L’analisi costi-benefici boccerà il progetto perché insostenibile”. Toninelli: “Non è ancora completata”

prev
Articolo Successivo

Gli ambientalisti No Tav preferiscono la gomma al ferro? Falso, la verità è spiazzante

next