Stamattina da Skardu sono ripartiti gli elicotteri. Si sono fermati al Campo base dove hanno lasciato i soccorritori spagnoli e preso Alex Txikon e Francesco Ullah e raggiunto con loro il Campo 1. Ullah conosce bene il percorso che avrebbero dovuto fare Daniele Nardi e Tom Ballard sul Mummery e hanno perlustrato quindi tutta la zona, anche la parete del Kinshofer e raggiunto i 7100 metri. Non hanno però trovato nulla che potesse far pensare che Daniele e Tom possano essersi riparati in qualche parte del costone. E quindi sono tornati indietro.

Intanto Ali Sapdara si è arrampicato fino al Campo 1 per unirsi ad Alex. Stanno predisponendo i droni per perlustrare meglio la zona. Ogni possibilità verrà tenuta in considerazione. Il tempo è bello e loro stanno facendo tutto il possibile per rintracciare i due alpinisti e portarli a casa.

https://www.facebook.com/danielenardialpinista/photos/a.638398552888795/2094082883987014/?type=3&theater

Chi conosce Daniele sa che lui ha tutte le abilità necessarie per affrontare queste emergenze e che lui le stia mettendo in atto per sopravvivere a questa drammatica situazione. Dobbiamo solo poterli individuare quanto prima. Tutti ci crediamo. Fanno il tifo per loro anche chi non li aveva neanche sentiti mai nominare e che ora li amano.

In tanti hanno chiesto di poter fare qualcosa, anche economicamente. E’ stata quindi avviata una raccolta fondi per le spese dei voli e altro. In due giorni sono stati donati quasi 126mila euro. Un atto di affetto straordinario. Daniele è nel cuore di tutti noi. Di chi lo ha conosciuto direttamente o di chi ne ha solo sentito parlare. Tanti, dicono, di essere rimasti colpiti e affascinati da questa personalità coinvolgente e piena di voglia di vivere.

Qui la petizione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formello, barcone anti-migranti tra i carri di carnevale con scritte “no pago affitto” e “wifi gratis”. Scoppia la polemica

prev
Articolo Successivo

Papa Francesco apre gli archivi segreti su Pio XII: “La sua prudenza scambiata per reticenza. La Chiesa non teme la Storia”

next