Dopo le critiche sulla legittima difesa di diversi parlamentari M5s, tra cui la deputata Gloria Vizzini (oltre all’uscita dall’Aula di una decina di esponenti critici al momento del voto sulla costituzionalità in Aula, ndr) e dopo lo slittamento della discussione sul provvedimento alla Camera, è stato il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, a rassicurare Salvini: “Partita chiusa o ancora aperta dopo i malumori nel nostro gruppo? Non è una questione di accontentare l’uno o l’altro, ma di tenere fede agli impegni“. E ancora: “Lo slittamento è stato tecnico, non c’è nessuna ragione politica per la quale il documento sia slittato di qualche giorno. La legittima difesa è nel contratto e tra le altre cose anche noi avevamo una proposta nella precedente legislatura”, ha tagliato corto. Ma non solo. Di Maio ha anche smontato le critiche partite da alcuni senatrici come Paola Nugnes ed Elena Fattori, sul suo triplo ruolo di capo politico, vicepresidente del Consiglio e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico: “Due parlamentari su 330, questi sono i numeri dei miei che hanno manifestato dissenso”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Week end: il Cadore più minuto, dimenticando, per una volta, la star Cortina.

prev
Articolo Successivo

Uno sguardo da vicino al Nokia 9 PureView, lo smartphone con 5 fotocamere

next