Sono fuggita a Parigi per scappare da Gianluca Vacchi con cui ho avuto una storia. Mi manca la famiglia e con Arnaud volevo cambiare il ciclo della mia vita“. In una toccante intervista a Rivelo, il programma di Lorella Boccia su Real Time, Claudia Galanti ha rivelato alcuni particolari inediti della sua vita privata. La showgirl è tornata a parlare della scomparsa della sua terza figlia, Indila, morta quando aveva solo pochi mesi di vita per un rigurgito in culla.“Quando mi chiamarono per dirmi della tragedia che aveva colpito mia figlia Indila mi trovavo a Dubai e se non mi facevano salire sull’aereo avrei perso il suo funerale“, ha confessato.

Poi i particolari più dolorosi: “Non riuscivo a toccarla e baciarla in quanto era talmente fredda. Ringrazio Arnaud che mi ha dato la possibilità di baciarla, riscaldandola. Cerco di trovare mia figlia in qualsiasi bambina che incontro. Non vorrei dimenticare mia figlia ma sto cercando di trovare la pace con me stessa“. Infine, Claudia Galanti ha raccontato degli ultimi travagliati anni della sua vita: oltre alla perdita della figlia infatti, ha dovuto affrontare anche la fine della sua storia d’amore che l’ha portata a ritrovarsi in una situazione di crisi economica: “Negli ultimi anni altre tragedie: per colpa dei debiti di gioco di Arnaud a Las Vegas non posso più entrare in America; sono piena di debiti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudia Gerini: “Noi donne possiamo parlare di calcio, compilare il bilancio di un’azienda e fare l’amore, pure in verticale”

next
Articolo Successivo

Paolo Brera, è morto per un infarto in metropolitana il figlio di Gianni: aveva 70 anni

next