Per anni Sabrina Ferilli ha sopportato le “attenzioni” di quell’uomo, credendo che fosse solo un ammiratore molto (troppo) devoto, ma quando la sua presenza è diventata sempre più insistente ha deciso di denunciarlo per stalking. “C’è sempre, me lo trovo davanti in continuazione. Mi aspetta sotto casa, lo trovo all’improvviso quando prendo l’auto o mentre passeggio”, ha raccontato in un’intervista al Corriere della Sera. “Mi segue ovunque, ormai lo trovo sotto casa, mi perseguita con lettere e regali”. L’uomo è stato subito identificato e ora rischia una misura restrittiva: si tratta di un sessantenne che era riuscito ad ottenere informazioni molto riservate sulla vita privata dell’attrice, cosa che ha fatto scattare subito l’allarme agli inquirenti.

Sabrina Ferilli ha trovato il coraggio di denunciarlo sul set: stava girando una fiction in cui interpreta un pubblico ministero e per questo è entrata in contatto con il procuratore aggiunto Maria Monteleone, colei che ha seguito l’inchiesta del 2013 sulle “baby squillo” dei Parioli. A lei ha raccontato di questa persona che da cinque anni la segue come un’ombra, presenza fissa in tutte le occasioni pubbliche. Il suo stalker non ha mai tentato di aggredirla o farle violenza, tuttavia la sua ossessione preoccupava molto l’attrice romana. “Inizialmente — ha spiegato la Ferilli — non avevo dato peso alla vicenda, ma adesso avverto questa presenza come una minaccia perché mi sento continuamente sotto osservazione e ho paura che questa storia possa ulteriormente degenerare“.

Se all’inizio infatti le “attenzioni” dell’uomo erano molto discrete, con il trascorrere del tempo era diventato sempre più insistente, mandandole regali e seguendola dappertutto, oltre che appostandosi sotto casa sua. Dopo averlo individuato e aver avuto la conferma della sua identità tramite il riconoscimento fatto dall’attrice in Procura, i magistrati hanno avviato nei suoi confronti la procedura prevista dalla legge sullo stalking per evitare che il sessantenne possa avvicinarsi ancora a Sabrina Ferilli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cipolla, il pappagallo ritrovato perché fischietta “Bandiera rossa” e “Ammazza la vecchia”

prev
Articolo Successivo

Francesco Guccini: “In Italia c’è odore di regime, Salvini è un furbo comiziante. Sanremo? Baglioni ha cantato male la mia canzone, non gliene fregava nulla”

next