La 69° edizione del Festival di Sanremo è ormai archiviata ma le polemiche non si placano. La vittoria di Mahmood, la reazione di Ultimo contro i giornalisti, gli insulti della sala stampa a ll Volo, il presunto conflitto di interessi con Friends and Partners e non solo. Nel mirino di Striscia la notizia è finito da qualche giorno Achille Lauro, accusato di “inneggiare” alla droga con la sua Rolls Royce. Un testo con riferimenti ad artisti morti per problemi di droga e il titolo che richiamerebbe al nome di una pasticca di ecstasy nota tra i giovanissimi.

“Io credo che invece di inventarti scemenze per avere pubblicità, dovresti pensare a cosa c’è dietro la musica. Ma quale droga. Rolls Royce è una macchina. Ti meriti il tapiro per essere il tonno più grande d’Italia, sei un ignorante“, aveva risposto il cantante a Valerio Staffelli durante la consegna del tapiro. Questa volta il tg satirico ha trasmesso immagini che imbarazzano non poco l’ex concorrente di Pechino Express: calci, pugni e insulti ai ragazzi che assistono ai suoi concerti.

“Ti ammazzo scemo, Non mi cacare il ca**o che ti ammazzo. Deficiente, ragazzino. Ragazzini di merda. Ragazzino stai zitto. A cuccia, mangiati una ciotola”, urla Lauro al microfono mentre prova a mettere le mani in faccia a una persona presente nel pubblico. In un secondo filmato sferra un calcio a una fan in prima fila, in un altro il trapper tira invece un pugno a un ragazzino. Compiaciuto sorride: “Scemi, domani pubblicità grazie a te.”

Il cantante negli ultimi giorni si era proposto come “esempio per i giovani” nelle diverse ospitate e Striscia la notizia ha ripescato vecchie dichiarazioni in cui parla delle droghe come veicolo per l’arte. Per ora non ha fornito nessun commento, le immagini imbarazzano e non poco Achille Lauro, opportuno sottolineare che negli anni altri rapper sono finiti agli onori della cronaca per le risse con i fan e per certe dichiarazioni discutibili. Dovranno aspettarsi anche loro filmati rivelatori da parte del tg satirico di Antonio Ricci?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Da assessore a suora di clausura: la storia della 38enne Simona Ibba

prev
Articolo Successivo

Nadia Toffa: “Ho ricevuto minacce di morte. Il cancro? Quando mi dissero della prima recidiva mi costruii un’altra identità”

next