Sono stati assolti dall’accusa di intestazione fittizia di beni e tre ristoranti in centro a Roma sono stati dissequestrati. È la sentenza dei giudici  della quarta sezione panale della capitale per nove imputati accusati di aver attribuito in modo artificioso ad altri soggetti la titolarità di alcuni ristoranti ed esercizi commerciali. I beni era stati sequestrati nel 2015 nell’ambito di un’operazione della Dia sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta a Roma. I giudici hanno disposto che i beni vengano restituiti ai legittimi proprietari. Tra gli assolti anche l’imprenditore calabrese Salvatore Lania ritenuto dall’accusa il vero proprietario dei ristoranti, tutti in zona Pantheon, “Er Faciolaro”, “Rotonda” e del “Barroccio”.

Il valore locali ammonta a circa 10 milioni di euro. Nel marzo del 2015 gli investigatori hanno eseguito perquisizioni nei confronti di tutti gli indagati, tra i quali familiari e dipendenti dello stesso Lania. Il nome di Lania era già emerso nell’indagine che aveva portato al sequestro e alla successiva confisca del “Caffè de Paris”, in via Veneto. Quattro anni fa l’arresto per intestazione fittizia: oggi l’assoluzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Sutter, concessa la semilibertà al “biondino della spider rossa” Bozano: seguirà un programma di volontariato

prev
Articolo Successivo

Bruno Caccia, confermato l’ergastolo per Rocco Schirripa. La figlia del magistrato ucciso: “Cercare gli altri colpevoli”

next