Il ministero dell’Economia e le Fs potrebbero superare il 50% del capitale della nuova Alitalia di cui Delta e Easyjet saranno soci industriali. Lo ha detto ai sindacati il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ai sindacati. L’intervento pubblico, ha detto il leader M5s incontrando i sindacati al Mise, “non esclude” la partecipazione di altre società pubbliche e private ed è “a tutela di interessi italiani, dei diritti dei lavoratori e dei livelli occupazionali“. “Lo Stato entra anche per garantire che Alitalia non sia ridimensionata“, ha aggiunto. Il governo è anche “pronto a intervenire per rifinanziare il fondo volo e non renderlo incapiente“, ha aggiunto Di Maio. “Nel decretone ce ne occupiamo ma siamo pronti a intervenire ancora. Diamo la garanzia che se se dovesse servire rifinanziamo gli ammortizzatori sociali“.

Il 31 marzo è stato indicato dal vicepremier come nuovo termine per la presentazione del piano industriale di Fs, piano che se tutto va secondo i programmi verrà scritto insieme a delta e Easyjet con cui ieri il cda di fs ha deliberato di avviare una trattativa. A giugno scade il prestito ponte da 900 milioni concesso dallo Stato nel 2017 dopo il commissariamento e prorogato più volte, come la vendita della compagnia che inizialmente era prevista per il novembre 2017 ma poi è stata rinviata a dopo le elezioni politiche. Una parte del prestito potrebbe essere convertito in azioni.

L’ingresso dello Stato e di altri soggetti in Alitalia non modificherà l’indagine Ue per aiuti di Stato in corso sul prestito ponte. La valutazione su quel fronte è sempre aperta, e la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager aveva ricordato la settimana scorsa che non c’era una scadenza per la decisione finale. L’indagine potrebbe sdoppiarsi in due, con il filone aiuti di Stato da una parte e quello sulla fusione dall’altra. L’indagine per fusione non è automatica, ma parte soltanto quando e se viene notificata dalle parti. Anche l’ingresso dello Stato nel capitale è soggetto a paletti Ue. La legislazione prevede che “gli interventi pubblici a favore delle imprese possono essere considerati privi di elementi di aiuti di Stato se vengono effettuati nel rispetto delle condizioni che un operatore privato avrebbe accettato a condizioni di mercato (il principio dell’operatore in un’economia di mercato)”. Se questo principio non venisse rispettato, la Commissione Ue potrebbe aprire una nuova indagine per aiuti di Stato, stavolta in maniera autonoma, cioè senza obbligo di attendere una notifica.

“Oggi non ci è stato presentato alcun piano industriale, che per essere credibile non deve prevedere né esuberi né idee di riduzione di salario e diritti. Su occupazione e salario non ci possono essere da pagare altri prezzi, i lavoratori di Alitalia hanno già dato”, ha detto il leader della Cgil, Maurizio Landini al termine dell’incontro, ribadendo che “bisogna accelerare i tempi”. La data indicata al tavolo del 31 marzo come termine per la presentazione del piano industriale “è un tempo troppo lungo”.

Secondo il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, il sindacato deve essere coinvolto nella fase di preparazione del piano industriale” e non deve essere messo davanti a proposte da ‘prendere o lasciare’. Per Salvatore Pellecchia, segretario generale della Fit-Cisl, “l’incontro odierno non ha risposto alle aspettative” perché “ci aspettavamo una comunicazione sullo stato di avanzamento delle trattative fra ferrovie e il partner industriale e invece ci è stato detto che solo ieri il Cda di Fs ha avviato la negoziazione con Delta e EasyJet. Trattativa che si profila lunga e i cui esisti non sono affatto scontati, come ha sottolineato lo stesso vettore inglese. Ci troviamo a ridosso dell’estate, periodo in cui, com’è noto, c’è un incremento del traffico aereo, e la compagnia non ha un piano industriale né i mezzi per cogliere le opportunità che il mercato offrirà e per implementare l’offerta commerciale con nuove rotte, tant’è che non sono più arrivati i cinque nuovi aeromobili annunciati a suo tempo dall’ex commissario Gubitosi“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pil, Moody’s taglia la stima di crescita per l’Italia: “Tra 0 e 0.5%”. Ma non incide sul rating: “Outlook resta stabile”

prev
Articolo Successivo

Enti locali, Consulta: “Incostituzionale la norma della manovra 2016 che consente di ripianare i disavanzi in 30 anni”

next