Spazio aereo off limits, nessun volo in ingresso o in uscita. Non è uno scenario distopico, ma il risultato dello sciopero generale proclamato in Belgio per mercoledì 13 febbraio. Nessun volo potrà partire dal Belgio o atterrarvi a causa della agitazione dei controllori di volo. L’annuncio arriva direttamente da Skeyes, l’impresa incaricata di gestire il controllo del traffico aereo. La sconsolata comunicazione recita: “Nonostante gli sforzi, a sei ore dall’inizio dello sciopero non abbiamo contezza dei numeri di dipendenti a disposizione. Non abbiamo certezza del numero di lavoratori in un ristretto numero di ruoli cruciali. Ecco perché Skeyes si vede costretta a non autorizzare il traffico aereo tra martedì 12 febbraio alle 22 e mercoledì 13 febbraio alle 22”.

Traffico aereo a parte, la giornata di passione si estenderà a molti comparti vitali del Paese che, di fatto, per un giorno intero sarà chiuso. Ad essere colpita dalle proteste saranno sopratutto le amministrazioni pubbliche, i trasporti pubblici, il già nominato trasporto aereo, i servizi postali, le scuole e la raccolta dei rifiuti. A proclamare gli scioperi sono stati i tre principali sindacati Csc, Fgtb, Cgslb che protestano, in particolare, contro la mancanza degli adeguamenti salariali.

Per il Paese si tratta del primo sciopero generale in 5 anni. Il precedente era stato organizzato nel dicembre del 2014.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, l’Italia ha scelto la via dell’indifferenza. Con buona pace del popolo

next