L’Arizona si prepara a dichiarare la pornografia una “crisi di salute pubblica“. Una risoluzione in questo senso proposta dai Repubblicani è già stata approvata da una commissione e ora si attende il verdetto della Camera. Lo riferisce il quotidiano Arizona Central, secondo cui il provvedimento aprirebbe la strada a misure restrittive sul porno. “La pornografia perpetua un ambiente sessualmente tossico – scrive nel provvedimento Michelle Udal, la promotrice -, che danneggia tutti i settori della nostra società. Come l’industria del tabacco, la pornografia ha creato una crisi di salute pubblica. È usata in maniera pervasiva, anche dai minori”.

La risoluzione è stata approvata dalla Commissione Salute con il voto contrario dei Democratici, secondo cui per prevenire gli effetti negativi del porno è necessaria una maggiore educazione sessuale nelle scuole. La definizione di “public health crisis” (crisi di salute pubblica) è presente anche nel programma nazionale dei Repubblicani. La spinta viene dall’associazione National Center on Sexual Exploitation, secondo cui il porno è direttamente connesso allo sfruttamento della donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2019, c’è il Festival ma gli italiani non abbandonano Pornhub: il traffico del sito porno cala solo del 5%

next
Articolo Successivo

San Valentino, la sessuologa: “Le coppie veramente innamorate non lo festeggiano”

next