L’Arizona si prepara a dichiarare la pornografia una “crisi di salute pubblica“. Una risoluzione in questo senso proposta dai Repubblicani è già stata approvata da una commissione e ora si attende il verdetto della Camera. Lo riferisce il quotidiano Arizona Central, secondo cui il provvedimento aprirebbe la strada a misure restrittive sul porno. “La pornografia perpetua un ambiente sessualmente tossico – scrive nel provvedimento Michelle Udal, la promotrice -, che danneggia tutti i settori della nostra società. Come l’industria del tabacco, la pornografia ha creato una crisi di salute pubblica. È usata in maniera pervasiva, anche dai minori”.

La risoluzione è stata approvata dalla Commissione Salute con il voto contrario dei Democratici, secondo cui per prevenire gli effetti negativi del porno è necessaria una maggiore educazione sessuale nelle scuole. La definizione di “public health crisis” (crisi di salute pubblica) è presente anche nel programma nazionale dei Repubblicani. La spinta viene dall’associazione National Center on Sexual Exploitation, secondo cui il porno è direttamente connesso allo sfruttamento della donna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, c’è il Festival ma gli italiani non abbandonano Pornhub: il traffico del sito porno cala solo del 5%

prev
Articolo Successivo

San Valentino, la sessuologa: “Le coppie veramente innamorate non lo festeggiano”

next