Baglioni, Bisio e Raffaele non erodono granché il traffico di Pornhub. Un calo di utenti del 5% ad inizio serata e un’oscillazione quasi impercettibile per un paio d’ore di Festival. Questi i dati resi pubblici dal sito del porno free più importante al mondo proprio per capire quanto la prima serata di Sanremo abbia attratto attenzione e spettatori rispetto alle performance di Riley Reid&co.

Ebbene la prima serata dell’edizione 2019  tra l’inizio della serata e le 22 e 45 sposta pochissimi utenti da Pornhub, tanto che attorno alle 23 torna quasi in media e oltre la mezzanotte quando sul palco ancora dovevano salire gli Ex-Otago, Ghemon, Einar, Anna Tatangelo, Irama ed Enrico Nigiotti torna a segnare un quasi più 2%. Di tutt’altro tenore i numeri delle scorse edizioni. Vere e proprie emorragie di contatti che nell’edizione 2017, la Conti/DeFilippi, avevano fatto segnare un meno 11,5% per diverse ore con picchi di meno 15% attorno alle 23. Una differenza che si intuisce anche solo rispetto al Baglioni primo, edizione 2018, con una fuga da Pornhub del 6% con picchi del 9%.

Da Pornhub segnalano anche che durante la prima serata non sono stati cercati né i nomi dei conduttori, né quelli dei cantanti in gara, tanto che concludono il loro rapporto sostenendo che “o la kermesse piace poco oppure più semplicemente sta cambiando il target di chi la segue”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lingerie, il prossimo sarà l’anno del fetish-chic. Quattro tendenze per l’intimo femminile

next
Articolo Successivo

Arizona pronta a dichiarare il porno una “crisi di salute pubblica”: ecco perché

next