Baglioni, Bisio e Raffaele non erodono granché il traffico di Pornhub. Un calo di utenti del 5% ad inizio serata e un’oscillazione quasi impercettibile per un paio d’ore di Festival. Questi i dati resi pubblici dal sito del porno free più importante al mondo proprio per capire quanto la prima serata di Sanremo abbia attratto attenzione e spettatori rispetto alle performance di Riley Reid&co.

Ebbene la prima serata dell’edizione 2019  tra l’inizio della serata e le 22 e 45 sposta pochissimi utenti da Pornhub, tanto che attorno alle 23 torna quasi in media e oltre la mezzanotte quando sul palco ancora dovevano salire gli Ex-Otago, Ghemon, Einar, Anna Tatangelo, Irama ed Enrico Nigiotti torna a segnare un quasi più 2%. Di tutt’altro tenore i numeri delle scorse edizioni. Vere e proprie emorragie di contatti che nell’edizione 2017, la Conti/DeFilippi, avevano fatto segnare un meno 11,5% per diverse ore con picchi di meno 15% attorno alle 23. Una differenza che si intuisce anche solo rispetto al Baglioni primo, edizione 2018, con una fuga da Pornhub del 6% con picchi del 9%.

Da Pornhub segnalano anche che durante la prima serata non sono stati cercati né i nomi dei conduttori, né quelli dei cantanti in gara, tanto che concludono il loro rapporto sostenendo che “o la kermesse piace poco oppure più semplicemente sta cambiando il target di chi la segue”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lingerie, il prossimo sarà l’anno del fetish-chic. Quattro tendenze per l’intimo femminile

prev
Articolo Successivo

Arizona pronta a dichiarare il porno una “crisi di salute pubblica”: ecco perché

next