Tiene alla seconda Sanremo 2019, la puntata ha ottenuto 9.144.000 telespettatori e il 47,3% di share. Nel dettaglio la prima parte, dalle 21.26 alle 23.50, è stata vista da10.959.000 telespettatori e il 46,35% di share e nella seconda parte, dalle 23.55 all’1.05, 5.260.000 e il 51,98% di share. Lo scorso anno la seconda serata, in onda il 7 febbraio 2018, aveva ottenuto 9.687.000 telespettatori con il 47,7% di share. Per la precisione la prima parte, dalle 21.24 alle 23.53, era stata vista da 11.458.000 con il 46,6% mentre la seconda parte, dalle 23.57 all’1.07, aveva incollato allo schermo 5.867.000 con il 52,8% di share.
I picchi d’ascolto sono stati raggiunti, in termini di telespettatori alle 21.49 con 14.260.000 ascoltatori, durante il duetto Mannoia-Baglioni, mentre il picco di share è stato del 54,4% alle 0.22 durante lo sketch di Pio e Amedeo. La serata di ieri ha registrato inoltre un ascolto sopra la media di Rai1 nel target 15-24 anni, con il 54,2%, e nel target dei laureati, con il 51,6%. Il risultato dei ragazzi 15-24 anni è emblematico visto che è lo share più alto tra tutte le fasce di età (i 65+ hanno registrato il 49,3% di share ed è il secondo risultato sui target di età). Probabile che sul risultato stia incidendo la presenza nel cast di alcuni teen idol, come Achille Lauro, Ultimo, Irama e Ghemon.
Rispetto allo scorso anno il Festival perde dunque mezzo milione di telespettatori e lo 0,4% di share. Un risultato positivo che fa rifiatare i vertici Rai, anche se probabilmente alla fine delle cinque serate non riuscirà a superare i dati del 2018.  Cosa è accaduto durante la seconda puntata? “Via”, per dirla con una canzone di Baglioni, questa volta l’emozione e il trio si scioglie. Ne giova lo spettacolo che senza il traffico di artisti in gara, dai ventiquattro della prima sera si passa ai dodici della seconda sera, rifiata riuscendo a dare maggiore spazio a gag e ospiti favorendo il racconto televisivo.
L’impostazione e le scelte lasciano molti dubbi ma se la prima aveva annoiato la seconda almeno ha provato a intrattenere il pubblico. La sorpresa della serata? Pio e Amedeo. Il duo comico passa dalla rappresentazione dell’italian medio (basso) alle battute politiche bipartisan. Ancora non al massimo Bisio e Raffaele, applausi per Pippo Baudo. Il suo legame con il Festival è tanto indissolubile quanto emozionante. I duetti continuano con Fiorella Mannoia, Marco Mengoni e Riccardo Cocciante: il pubblico con l’effetto karaoke si diverte e rifiata. Michelle Hunziker rinfresca al pubblico la memoria, quest’anno a mancare sembra proprio una conduttrice. La gara entra nel vivo, stasera il giro di boa.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, le pagelle della seconda serata: tra Einar che s’è messo in testa di riscrivere l’amore e Arisa che ci porta a La La Ladispoli

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, la seconda serata è la più difficile. E ieri ci ha lasciato un rammarico

next