La seconda serata di Sanremo – si sa – è la più difficile. Se la prima è andata bene c’è il rischio di un calo di concentrazione, se è andata male l’urgenza di riscattarsi può giocare brutti scherzi. Teniamo dunque conto di questa regola nel giudicare quanto di buono e di cattivo ci ha offerto la serata di ieri. Che, forse per togliersi e toglierci il pensiero, il peggio l’ha proposto subito con la gag di Virginia Raffaele impegnata a tradurre il regolamento per i telespettatori stranieri collegati in mondovisione. Lasciamo stare i sospetti di razzismo e altre simili stupidaggini. Le smorfie da cinesina, gli eccessi di calore ispanici e i grugniti da coatta non hanno nulla a che fare col razzismo, ma restano cionondimeno imbarazzanti. Un giochino un po’ sciocco, puerile, vecchiotto, con una venatura dilettantesca e una componente fastidiosamente provinciale.

Il meglio invece è arrivato a metà serata. L’idea di fare un festival tutto incentrato sulla musica italiana, sui suoi grandi autori e interpreti del presente e del passato, è una buona idea. Ma non è facile da portare avanti con coerenza e originalità. Il rischio di girare sempre attorno agli stessi temi, agli stessi personaggi, alle stesse musiche riproponendo uno stucchevole déjà vu è forte. Finora però è stato evitato brillantemente. Ieri la scelta di omaggiare un musicista un po’ trascurato come Lelio Luttazzi è stata vincente. Divertente, ironica, tipica dello stile del suo autore la canzone Il mio tipo ideale, perfetta l’esecuzione suonata, cantata e ballata da Claudio Baglioni, ma soprattutto decisiva per liberare Virginia dalla tendenza a stare sempre sopra le righe, dalla cifra comica eccessiva, farsesca, riportandola a quella dimensione di spontaneità e di leggerezza in cui dà il meglio di sé. Un momento così piacevole che alla fine ci ha lasciato un rammarico: ma di canzoni di Luttazzi non se ne potevano fare più di una?

©AndreaRaffin / KikaPress

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2019, gli ascolti della seconda serata [I DATI AUDITEL]

next
Articolo Successivo

L’esperto

next