Giorgia Palmas e il fidanzato Filippo Magnini, ospiti a Verissimo, raccontano la loro storia, tra sogni, obiettivi e difficoltà. Ai microfoni di Silvia Toffanin, la showgirl parla del suo amore per l’ex nuotatore e dei progetti futuri che potrebbero anche sfociare nelle nozze: “Ne abbiamo tanti e tra questi potrebbe esserci anche quello del matrimonio. Siamo due persone molto attaccate alla famiglia che finalmente si sono trovate e diciamo che in futuro potrebbe esserci la realizzazione di questo sogno”. Un argomento che trova la conferma netta di Filippo: “Lei usa il condizionale ‘potrebbe’, invece io dico che un matrimonio ci sarà sicuramente. Non ho ancora fatto la proposta ma sono convinto che prima o poi sposerò Giorgia”.

L’amore per Giorgia è stato d’aiuto per l’ex campione di nuoto per superare un momento difficile, dovuto all’inibizione per doping: “Non esiste al mondo un caso come il mio, sarebbe anche questo un record perché è una cosa veramente particolare. In pratica, loro pensano che io abbia fatto una cosa che in realtà non ho fatto: è un processo alle intenzioni che non ci sono mai state. È una vicenda molto strana, la giustizia ordinaria mi ha scagionato totalmente, in termini sportivi, invece, ci vuole più tempo ma io sono molto fiducioso“. Giorgia Palmas, che è già mamma di Sofia, smentisce di essere nuovamente incinta ma non nega di desiderare di allargare la famiglia con Filippo: “Un figlio è un miracolo della vita ed è la cosa più bella del mondo. Sono innamorata pazza di Sofia e l’argomento figli è talmente bello e importante che va preso con la giusta delicatezza. Ma se dovesse succedere sarebbe bellissimo”. Un sogno appoggiato anche dal due volte campione del mondo nei 100 metri: “Voglio diventare genitore con Giorgia. È lei che mi fa sentire questa voglia di avere una famiglia insieme“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meghan Markle, le frasi sulle banane per incoraggiare le prostitute di Bristol diventano virali

prev
Articolo Successivo

Michelle Hunziker: “Io porto la dentiera? Non è vero. Ma ora vi svelo cosa mi sono rifatta…”

next