di Antonio Deiara

Lo confesso: anch’io utilizzo lo smartphone e “rumino” il chewing gum a scuola, al di fuori del mio lavoro in aula Musica. Ma, giunto di fronte agli alunni, spengo il telefonino e getto la gomma da masticare nel cestino del “secco”. L’esempio permane l’insegnamento più efficace. La scuola deve recuperare il suono del silenzio, l’attenzione libera dalla vibrazione di una telefonata o di un messaggio, dall’ansia di essere sempre connessi.

Il suono del silenzio, soprattutto nella scuola del Terzo Millennio, deve vincolare docenti e alunni, nel rispetto di un tempo “dedicato” all’apprendimento che non può essere trasformato in tempo “sottratto” all’istruzione. Il professore è tenuto a dedicare totalmente l’intera ora di lezione a quella classe e a quegli alunni; per le urgenze, la Segreteria può ricevere le telefonate e informare l’insegnante interessato. Lo studente ha l’obbligo disciplinare di prestare la massima attenzione all’attività didattica in fieri a favore della classe alla quale appartiene; anche per lui, la Segreteria governa le urgenze. Il mancato svolgimento della lezione da parte del docente per motivi di “dipendenza da smartphone”, al di là delle responsabilità deontologiche, civili e penali, rende il maestro moralmente indegno del titolo e del ruolo. In altre parole, l’insegnante che trascorre il tempo al telefonino in orario di lezione, “ruba” un pezzo di futuro ai propri alunni. L’uso del telefonino a danno dell’attenzione e della partecipazione alla lezione da parte del discente, costituisce un “tradimento” del “Patto formativo”, da sanzionare.

L’impiego didattico dello “smartphone” è un altro discorso, legato alla programmazione delle diverse discipline e alle tematiche delle singole lezioni. Nella mia attività didattica in aula Musica utilizzo batteria, chitarre acustica ed elettrica, tastiere elettroniche, basso elettrico, impianto voci e console dee-jay. L’Educazione musicale cura l’impiego e la comprensione del linguaggio dei dodici suoni, grazie al fare e all’ascoltare musica di qualità. Educare all’ascolto, soprattutto in questi tempi tracimanti rumorose chiacchiere virtuali, è fondamentale. Il suono del silenzio, i docenti devono conquistarlo tutti i giorni, a partire dal gesto educativo dello spegnere lo smartphone appena entrati in aula, di fronte agli studenti.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, addio lezioni da un’ora: gli alunni fanno 10 minuti di pausa. A Piandimeleto parte la “rivoluzione” della didattica

next
Articolo Successivo

Università, quando il potere fa scappare la cultura. Perché la libertà accademica è importante

next