Ora o mai più, il nuovo show del sabato sera di Rai1, non passa certo inosservato. Merito, o colpa dipende dai punti di vista, di una giuria finalmente frizzante e con pochi peli sulla lingua. Vittima questa settimana Amedeo Minghi, il cantautore ha riproposto in puntata “Vattene amore“, brano cult che nel 1990 conquistò il terzo posto al Festival di Sanremo. A duettare con l’artista romano è la concorrente Annalisa Minetti, la performance arriva alla conclusione e i maestri in giuria si scatenano.

“Questa canzone non la amo molto. E’ piccola, fragile, è una canzone molto leggera. Perdonami”, debutta Red Canzian. Orietta Berti non sembra distaccarsi dal giudizio del collega ma è Donattella Rettore a usare toni più duri: “E’ un pezzo che per me è una menata galattica“. Amadeus prova a frenarla: “Non ti piace molto”, quasi a invitarla a usare un torno diverso ma la cantante non arretra: “Non mi piace per niente. Mi dispiace Annalisa, si sentiva solo la tua voce”.

La parola passa a Ornella Vanoni che conclude a modo suo: “Penso che questo trottolino amoroso mi fa ridere, perché è una canzone da bambini. Qual è la donna che può dire trottolino amoroso? Uno dice: ma sei pazza? Ma che è, cos’è?  Non mi piace”. Il pubblico esprime il suo dissenso fischiando, Minghi a questo punto, offeso, si difende: “Non l’ho scelto io. Con 900 titoli all’attivo è stata scelta questa. E’ una canzone che in questo momento, ancora dopo 30 anni, è la sigla di un programma a Montevideo. Spero di essere in grado di scriverne un’altra che abbia queste  caratteristiche. L’anno prossimo farà trent’anni”.

Marcella Bella soccorre il collega: “Ci deve essere un grande rispetto per un grande successo che ha fatto Minghi”, ma sull’argomento si ritorna qualche minuto dopo con l’ingresso in studio di Shalpy. Il cantante deve duettare con Donatella Milani sulle note di Rocking Rolling, prima della performance ricorda che bisogna giudicare la prova del concorrente e non la canzone scelta perché “altrimenti anche io posso dire a Red Canzian che Piccola Katy non mi piace, fa schifo!”, conclude con tono polemico. Canzian incassa in silenzio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gerry Scotti in lacrime da Maria De Filippi: ecco cosa è successo

next
Articolo Successivo

“C’è Grillo”, Pd pronto a interrogazione parlamentare per il programma di Rai2 su Beppe Grillo: “Soldi del servizio pubblico per pagare leader politico”

next