Era apparso lo scorso giugno su una porta d’uscita di sicurezza del teatro, tra quelle utilizzate dagli spettatori del concerto degli Eagles of Death Metal per sfuggire alla furia degli attentatori. Qualcuno, venerdì notte, lo ha portato via, come ha reso noto lo stesso Bataclan in un tweet.

Un gruppo di ladri ha rubato il murale raffigurante una donna in lutto e realizzato da Banksy in memoria delle 90 vittime dell’attentato terroristico del novembre 2015.

Nel suo tweet il Bataclan ha parlato di “profonda indignazione” per il furto di un’opera “simbolo di raccoglimento” e “di proprietà di tutti: parigini e cittadini del mondo”. Banksy, continua il Bataclan, “ha donato quest’opera d’arte sulla porta d’uscita di sicurezza per una ragione”.

Ovvero che “l’essenza stessa della street art è di dare vita a un’opera d’arte in un ambiente particolare e noi siamo convinti che quest’opera non avesse senso se non in quel posto. È per questo noi avevamo voluto lasciarla libera, in strada, accessibile a tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modella si rifiuta di fare sesso con lui, fotografo la strangola a morte

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, Francesco Guccini contro Claudio Baglioni: “L’anno scorso la mia canzone sui migranti era stata bocciata”

next