L’ho chiamata con il pretesto di un servizio fotografico e poi le ho chiesto di fare sesso con me. L’avrei potuta aiutare nella carriera di modella. Quando mi ha rifiutato, l’ho colpita alla testa con uno sgabello di legno e poi ho perso il controllo“. È la confessione che ha fatto il fotografo Syed Muzammil, 19 anni, alla polizia che l’ha indagato per la morte della modella 20enne Mansi Dixit. Il fatto, come riporta il Messaggero, è avvenuto due giorni fa durante un set fotografico a Oshiwara, un quartiere a nord di Mumbai, India. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, quando la giovane si è opposta alle avances, l’uomo l’ha picchiata con violenza e lei è caduta a terra tramortita. Allora il fotografo l’ha strangolata mettendole le mani attorno al collo, poi ha infilato il corpo senza vita della ragazza in un borsone e ha chiamato un taxi per farsi portare all’Hindustan Times.

Ma quando l’autista gli ha chiesto perché il bagaglio fosse così pesante, il fotografo, per paura di esser scoperto, ha annullato la corsa con una banale scusa. A quel punto ha prenotato una nuova macchina che lo ha portato in una strada secondaria, non troppo distante dal luogo del delitto, lì ha scaricato la borsa. L’autista però, insospettito dall’atteggiamento dell’uomo, ha chiamato la polizia. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno notato  subito il borsone abbandonato, hanno guardato dentro, e hanno scoperto il cadavere della modella. Ora il fotografo si trova in carcere in attesa del processo. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Martina Colombari rivela: “Perquisisco mio figlio e controllo il cellulare di mio marito. Fidarsi è bene non fidarsi è meglio”

prev
Articolo Successivo

Banksy, rubata l’opera dedicata alle vittime del Bataclan

next