Il Consiglio di presidenza della giustizia amministrativa, nella seduta di venerdì mattina, a quanto si apprende, ha rinviato a data da definire la pratica per la nomina a presidente aggiunto di Sergio Santoro, indagato dalla Procura di Roma per corruzione in atti giudiziari. Il rinvio della pratica, che era prevista all’ordine del giorno, è presumibilmente dovuto all’attesa di informazioni sul caso che ieri Palazzo Spada ha chiesto con una lettera inviata ai pm romani.

Nella lettera inviata alla procura di Roma, il Consiglio di Stato chiede informazioni sullo stato del procedimento, in relazione ai provvedimenti non coperti da segreto istruttorio, per consentirne la valutazione da parte degli organi della giustizia amministrativa. Santoro, stando a quanto emerso nei giorni scorsi, è coinvolto in un nuovo capitolo dell’indagine su una rete di avvocati in contatto con alcuni magistrati del Consiglio di Stato per “pilotare” sentenze nell’ambito della giustizia amministrativa.

Nelle scorse settimane il procuratore aggiunto Paolo Ielo, che coordina le indagini, ha firmato un provvedimento con cui si sollecita una proroga di indagine di sei mesi per 31 persone. Si tratta di un provvedimento ‘omnibus’, spiegano fonti giudiziarie, in cui rientra anche il filone della corruzione in atti giudiziari. Nel registro degli indagati per questa vicenda è finito anche il presidente di sezione Santoro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo calcio, Zamparini ai domiciliari per falso in bilancio e autoriciclaggio. Lui: “Una storia di vergogna per la città”

next
Articolo Successivo

Magistratura, pg Cassazione: “Troppe toghe sotto inchiesta. Fiducia cala”. Dati: 25% dei processi prescritti in appello

next