Torna al 12% l’Ires sulle attività del terzo settore, che era stata raddoppiata con il maxiemendamento alla legge di Bilancio che ha ridotto il deficit/pil dal 2,4 al 2%. La retromarcia promessa subito dopo Natale dal premier Giuseppe Conte e dai due vicepremier è arrivata, come annunciato, attraverso un emendamento al dl Semplificazioni che giovedì ha ottenuto il via libera delle commissioni Affari Costituzionali e Lavori Pubblici del Senato.

L’emendamento che elimina quella che era stata definita “tassa sulla bontà”, a prima firma Andrea Marcucci (Pd), è stato sottoscritto anche dai capigruppo di M5S, Stefano Patuanelli, e Lega, Massimiliano Romeo. Il congelamento del raddoppio continuerà fino al varo di un riordino complessivo del settore. Con il ritorno dell’aliquota al 12% viene meno l’introito aggiuntivo previsto per le casse dello Stato, che era stato stimato in 118,4 milioni per il 2019 e 157,9 milioni dal 2020.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Investimenti, c’è il decreto che distribuisce 400 milioni ai piccoli Comuni per messa in sicurezza di scuole e strade

prev
Articolo Successivo

Draghi: “Paese perde sovranità se debito fuori controllo. Italia cresce meno di altri, ma presto per parlare di correzioni”

next