“Sono l’unico a essere rimasto con il cerino in mano. Ho pagato lo scotto di essere stato il tesoriere che ha eseguito determinati ordini”. Lo ha detto l’ex tesoriere della Lega, Francesco Belsito, dopo la condanna a 1 anno e 8 mesi in appello per la vicenda The Family. In primo grado, nel luglio dello scorso anno, era stato invece condannato a 2 anni e 6 mesi. I giudici della quarta Corte d’Appello di Milano hanno dichiarato l’improcedibilità per Umberto e Renzo Bossi. “In questo caso paga l’esecutore ma non i mandanti – ha aggiunto Belsito – spero che l’esecuzione faccia chiarezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega, Salvini e la legge del Pd salvano i Bossi: in primo grado condannati per 353mila euro spesi in auto e mutande

next