Un operaio di 42 anni, Eros Cinti, è morto sul lavoro poco dopo le 8 di mattina a Genova, nella sede di Ansaldo Energia. Come riporta Il Secolo XIX, l’uomo, un genovese padre di due figli (di 11 e 6 anni), sarebbe stato colpito da un pezzo di materiale caduto da una gru con cui stava movimentando un carico, forse a causa del forte vento.

La vittima che viveva a Pontedecimo e lavorava per la Geko, una ditta esterna, era con alcuni colleghi in uno dei piazzali interni alla sede di Ansaldo, in via Nicola Lorenzi, lungo il torrente Polcevera. L’area è stata posta sotto sequestro. La Fiom-Cgil ha immediatamente proclamato otto ore di sciopero.

“Un fatto grave che ci lascia tutti sgomenti – commenta la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan -. La sicurezza sul lavoro resta un’emergenza nazionale, tutta la società deve mobilitarsi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

#30yearschallenge – Quando finii in una fabbrichetta e capii cosa non volevo diventare

prev
Articolo Successivo

Counseling, Ministero Sanità: “Possono farlo solo gli psicologi”. Associazione di categoria: “Atteggiamento corporativo”

next