Un operaio di 42 anni, Eros Cinti, è morto sul lavoro poco dopo le 8 di mattina a Genova, nella sede di Ansaldo Energia. Come riporta Il Secolo XIX, l’uomo, un genovese padre di due figli (di 11 e 6 anni), sarebbe stato colpito da un pezzo di materiale caduto da una gru con cui stava movimentando un carico, forse a causa del forte vento.

La vittima che viveva a Pontedecimo e lavorava per la Geko, una ditta esterna, era con alcuni colleghi in uno dei piazzali interni alla sede di Ansaldo, in via Nicola Lorenzi, lungo il torrente Polcevera. L’area è stata posta sotto sequestro. La Fiom-Cgil ha immediatamente proclamato otto ore di sciopero.

“Un fatto grave che ci lascia tutti sgomenti – commenta la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan -. La sicurezza sul lavoro resta un’emergenza nazionale, tutta la società deve mobilitarsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili