È il giorno della cerimonia inaugurale dell’anno da Capitale europea della Cultura per Matera. “Da questo sole deve partire la riscossa di Matera e del Sud“,  ha detto il premier Giuseppe Conte entrando nell’auditorium della Cava del Sole. In serata, dopo una visita nel centro storico a ridosso dei rioni Sassi, il presidente del Consiglio sarà in piazza San Pietro Caveoso per il momento clou della giornata che sarà trasmesso dalle ore 18:50 in diretta eurovisione su Rai1 e al quale è prevista la partecipazione del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Abbiamo dimostrato che si può lavorare in tempi rapidi facendo qualcosa che serve. Stiamo parlando di una realtà del Mezzogiorno dove non mancano criticità”, ha detto il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli prima dell’inaugurazione ufficiale. Bonisoli ha comunque anticipato che “sicuramente nel corso dei mesi bisognerà fare una riflessione per vedere che cosa si poteva fare meglio”. Una valutazione che non riguarda solo Matera, e che, più in generale chiama in causa “un’autocritica da parte della politica. A volte la politica – scandisce il ministro – dovrebbe ricordarsi che quello che conta è dare un servizio, una risposta alle aspettative dei cittadini”.


di Agenzia Vista

“Il successo di Matera è un modello di riscatto per il Sud’’, ha commentato invece il presidente della Rai, Marcello Foa. “La Rai partecipa con convinzione al successo della bella iniziativa di Matera 2019, per la quale non da oggi – ha sottolineato – abbiamo messo in campo le nostre forze e la nostra vocazione di grande azienda culturale italiana. La storia di questa candidatura, nata da un’iniziativa popolare locale, dev’essere uno sprone a superare i ritardi e le difficoltà del Mezzogiorno, territorio ricchissimo di patrimonio storico e umano che richiede e merita una piena valorizzazione e sviluppo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, presidio contro libro revisionista sulle “atrocità partigiane”. Anpi: “Non storia, ma calunnie”

next
Articolo Successivo

Migranti, due naufragi nel Mediterraneo: 170 morti. Di Maio: “Effetto, non causa. La Francia sta impoverendo l’Africa”

next