Per oltre un anno e mezzo, un 33enne irlandese si è iniettato il proprio sperma nel braccio. Il motivo? Voleva curarsi così il mal di schiena. La cura fai-da-te, però, non è servita affatto ad alleviargli il dolore e così quando è stato ricoverato in ospedale a Dublino i medici hanno scoperto tutto. Ad insospettirli è stata infatti la forte eruzione cutanea che l’uomo aveva sul braccio, oltre ad un singolare gonfiore. Messo alle strette sull’origine del gonfiore, l’uomo ha rivelato tutto.

“Aveva escogitato questa ‘cura’ indipendentemente da qualsiasi consiglio medico”, ha spiegato la dottoressa Lisa Dunne, che ha descritto il caso sull’Irish Medical Journal. “L’uomo ci ha rivelato di essersi iniettato una dose mensile di sperma per 18 mesi consecutivi usando un ago ipodermico che era stato acquistato online ma le sue condizioni di salute non sarebbero migliorate nonostante le iniezioni. Solo con il ricovero in ospedale è riuscito ad parte del suo dolore“, ha aggiunto. L’uomo è stato poi sottoposto ad un intervento per rimuovere lo sperma all’Adelaide and Meath Hospital nella capitale irlandese.

La dott.ssa Dunne ha detto anche che questo è stato il primo caso segnalato di “iniezione di seme da utilizzare come trattamento medico”. “L’uomo era convinto dell’efficacia di questo metodo che definiva ‘innovativo’ per trattare il mal di schiena”. Secondo il medico, il caso potrebbero essere applicato “su una scala più ampia” per dimostra i rischi associati alla sperimentazione medica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tutti “provetti” James Bond? Così l’iPhone può diventare una potentissima cimice nemmeno tanto nascosta

prev
Articolo Successivo

Belen Rodriguez, Alfonso Singorini: “Il suo lato b? Rifatto. Aveva esagerato così tanto con le iniezioni per tirare su che era aumentato troppo”

next