Vieni a messa…non aspettare che ti portino gli altri“. È il messaggio, si può dire “pubblicitario”, che il parroco di San Giorgio al Tagliamento, nel veneziano, ha scelto per attirare i fedeli alla messa. Ad accompagnare la frase, l’immagine di una bara trasportata lungo la navata da sei persone. La locandina, appesa nella bacheca della chiesa, ha fatto discutere ma Don Vincenzo Quaia dalle pagine della Nuova Venezia appare convinto della sua scelta: “Chi la nota non la dimentica – osserva – la ritengo utile per far scattare nei fedeli più pigri la molla per tornare in chiesa”. L’idea, ammette il parroco parlando di “una provocazione”, è venuta guardando “una chiesa lontana da qui. Me la sono procurata – racconta – e l’ho affissa sulla bacheca dell’ingresso“. Non è la prima volta che don Quaia sala alla ribalta delle cronache per colpa di alcuni manifesti. Nel 2015 si vide infliggere dalla Polizia municipale una multa di 400 euro per non aver ritirato alla data di scadenza prevista i manifesti che reclamizzavano la Festa della Renga. In quella occasione proprio i suoi parrocchiani diedero vita ad una colletta per pagare la sanzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesca Cipriani: “Un mio ex ha tentato di uccidermi. La rapina a Milano? Una combriccola di extracomunitari. Fa bene Salvini”

prev
Articolo Successivo

Terrapiattisti in crociera, la nave è pronta a salpare nel 2020. Ma c’è un “piccolo” problema: “Le carte nautiche sono progettate pensando alla Terra rotonda”

next