“A Livorno le donne non sono sole”. Il Comune toscano, per la prima volta in regione, ha chiesto di costituirsi parte civile in un processo per violenza di genere, il primo che si terrà in città nel 2019. La vittima è stata vessata per un lungo periodo dall’ex compagno 60enne, con cui aveva iniziato a convivere più di 5 anni fa, nel 2013, prima di denunciarlo alle autorità. La scelta dell’amministrazione è però simbolica. “Il Comune è al fianco delle donne ed è pronto a sostenerle anche davanti a un tribunale”, ha commentato la vicesindaca, nonché titolare della delega alle Pari opportunità, Stella Sorgente.

La decisione è stata ufficializzata dall’Avvocatura civica che, dopo la delibera della giunta M5s, ha presentato la richiesta al Tribunale. Oltre a costituirsi parte civile, il Comune ha avanzato una richiesta simbolica di risarcimento danni (5mila euro), in caso di condanna dell’imputato. La domanda è stata possibile grazie alle politiche comunali che, si legge nell’atto di costituzione, “difendono il principio di uguaglianza e l’attuazione di politiche concrete per le pari opportunità”. Tra le motivazioni addotte dai legali dell’Avvocatura anche il possibile “danno morale arrecato al Comune e alla collettività” e l’impegno dell’amministrazione nella lotta alla violenza, vista la decisione di investire oltre 79mila euro di contributi regionali in nuovi centri antiviolenza.

“Il nostro obiettivo – conclude la vicesindaca – è quello di diventare un punto di riferimento per tutte le donne maltrattate che troppo spesso si sentono sole e indifese. Non abbiamo intenzione di limitarci a questo caso specifico, anzi. Se il Tribunale accoglierà la nostra richiesta, potremo ulteriormente intensificare l’azione di prevenzione e tutela delle vittime di violenza”. Per avere una risposta dal Tribunale, però, il Comune dovrà attendere il 28 marzo, giorno in cui è stata fissata l’udienza dopo il rinvio a giudizio deciso ieri, giovedì 10 gennaio, dal giudice.

Non è il primo caso in Italia. Il primo, ad aprile 2018, era stato il comune di Troina che si era costituito parte civile in un processo per stalking. In generale sono molte le amministrazioni, da Valmontone a Novi di Modena, che in passato hanno detto di voler modificare il proprio statuto per potersi costituire parte civile. E mentre a Livorno il Comune ha deciso di mettersi “dalla parte delle donne”, intanto a Pisa continua la polemica su Andrea Buscemi, assessore alla cultura, a processo dopo che la sua ex compagna lo ha accusato di stalking.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis, Mantero (M5s): ‘Discutere la legge per liberalizzarla al più presto’. Salvini: ‘Non passerà. Non è nel contratto’

next
Articolo Successivo

Save the Children, “in Italia un bambino su sette in inverno avrà freddo in casa”

next