Ilary Blasi non segnerà il 2018 nella sua agenda come il miglior anno della sua carriera. Prima le prove auditel deludenti di Balalaika, lo show dedicato ai Mondiali di Russia, e del Music Summer Festival in prima serata su Canale 5. Poi l’addio a Le Iene, la lite in diretta tv con Fabrizio Corona e l’edizione deludente del Grande Fratello Vip.

Il reality non ha creato dinamiche interessanti, è finito nel mirino della critica ma soprattutto ha ottenuto ascolti bassissimi con una media di soli 3.411.000 e il 20,03%, perdendo quasi un milione e mezzo di telespettatori e oltre il 5% di share rispetto la precedente edizione. La conduttrice sarebbe ai ferri corti con l’azienda di Cologno Monzese, a cui è storicamente legata: “La ragione? Non vedrebbe di buon occhio la messa in onda in primavera del Grande Fratello Nip. Dicono che avrebbe posto un duro aut aut“, si legge nelle pagine dedicate alla pillole di gossip il settimanale Oggi.

In effetti la decisione di trasmettere l’edizione condotta da Barbara D’Urso potrebbe esporre nuovamente il format, usurarlo e indebolirlo ulteriormente. Va poi considerato che le puntate in onda da aprile non sarebbero totalmente nip ma, come lo scorso anno, prevedrebbero una quota di volti noti.  Il rischio sarebbe quello di stancare il pubblico in vista della quarta edizione vip prevista a settembre 2019.

La Blasi ha davvero minacciato di lasciare Mediaset? Al momento la conduttrice non ha fornito nessun commento alla notizia, la D’Urso in un’intervista al settimanale Tv Sorrisi e Canzoni ha invece commentato l’insuccesso dell’ultima edizione del reality: “È sempre difficile prevedere come si comporteranno i concorrenti, a volte creano dinamiche forti, altre sono più trattenuti. Ma Ilary Blasi è stata impeccabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cristiano Malgioglio: “Ho incontrato Salvini ma io sono trasversale: piaccio anche a Renzi e ai 5Stelle. Le mie vacanze? Con la D’Urso a Cuba: lei ama Hemingway”

prev
Articolo Successivo

Io sono Mia, parla Adriano Aragozzini: “Nessun garante fu necessario per far partecipare Mia Martini al Festival. Semmai gli artisti la evitavano, alcuni non vollero volare con lei a New York”

next