Cristiano Ronaldo dovrà sottoporsi al test del Dna. Lo ha stabilito la polizia di Las Vegas che vuole confrontare i risultati dell’esame di Cr7 con le tracce di Dna rinvenute sugli abiti di Kathryn Mayorga, la donna che lo accusa di violenza sessuale. A darne notizia è il Wall Street Journal, che cita fonti delle forze dell’ordine e spiega che la richiesta è stata inviata di recente alle autorità giudiziarie italiane competenti.

Il caso dei presunti abusi di Ronaldo è stato riaperto dalla polizia di Las Vegas lo scorso autunno, dopo che Mayorga denunciò l’attaccante della Juventus accusandolo di stupro. I fatti, sono sempre stati negati da Cr7 e risalirebbero al 2009:  secondo l’accusa il calciatore avrebbe quindi pagato la donna 375 mila dollari per ottenerne il silenzio. Tra le possibili prove in mano agli investigatori  c’è il vestito che Mayorga indossava la sera del presunto episodio di stupro, sul quale sarebbero state rinvenute tracce di Dna che non appartengono alla donna.

Ma Mayorga non è l’unica donna ad accusare la star del calcio: di recente altre si erano scagliate contro di lui, l’ultima delle quali è Jasmine Lennard, ex concorrente del Grande Fratello inglese, che su Twitter l’ha definito un “arrogante figlio di p… Il tuo giorno del giudizio sta arrivando”. E ancora: “Ho centinaia di messaggi in cui ride del suo bullizzare la madre di suo figlio. Nel profondo lui sa di avere seri problemi mentali. Psicopatico”. Lennard ha invitato Mayorga a scriverle. Da stabilire se abbia davvero i messaggi audio di cui parla e se sia mai stata fidanzata con CR7, che probabilmente la citerà in giudizio.