L’Eredità, il programma condotto da Flavio Insinna su Rai1 prima del tg serale, è tornato lunedì 7 gennaio con una nuova veste grafica ma, più che quella, gli spettatori hanno notato una certa disparità di trattamento tra quella che è diventata poi la campionessa e gli altri concorrenti. La giovane Alice infatti è riuscita ad arrivare alla “finale” con la Ghigliottina dove però non è riuscita ad indovinare la parola misteriosa che era “impero” (“abito, erede, primo, basso, sole” erano gli indizi) ma il suo percorso è stato “agevolato”, come hanno notato in molti.

Le polemiche sono iniziate infatti ben prima della Ghigliottina. Sin dai primi minuti della puntata infatti, in molti sui social hanno accusato la produzione e lo stesso Insinna di fare ad Alice domande più semplici rispetto a quelle rivolte agli altri concorrenti: “Che vergogna, a questa Alice ai calci di rigore ancora un po’ è chiedono quanto fa 2 + 2, e prima non aveva imboccato manco una risposta. Solito andazzo poco trasparente #leredità”, ha scritto qualcuno su Twitter. E qualcun altro ha aggiunto: “Come volevasi dimostrare, chi ha vinto? La giovane Alice (anche se detto tra noi quell’Alessandra era un po’ capra anche lei) #LEredità”. E ancora: “Ora qualcuno ci spieghi come mai sapevamo tutti che Alice sarebbe arrivata in finale. Hai rotto alla grande, cara #LEredità”.