L’hanno aggredita, buttandola a terra, poi hanno tentato di violentarla. Ma lei, approfittando di una distrazione, è riuscita a metterli in fuga, sferrando un calcio a uno degli assalitori. Il fatto è avvenuto la mattina del 7 gennaio, attorno alle 6,30, a Grosseto. Vittima una ragazza di 25 anni che stava andando a lavoro.

Secondo quanto riportato dalla ragazza ai carabinieri gli aggressori erano due. Uno, di origini nordafricane, faceva il palo, mentre l’altro le piombava addosso, tentando di sfilarle i pantaloni, dopo essersi denudato davanti a lei. A “salvarla” un’auto che, passando in strada, ha distratto i due presunti stupratori. È bastato questo alla 25enne per respingere l’uomo sopra di lei a calci e per far scappare i due assalitori nelle campagne circostanti. La vittima, rimasta a terra dopo essere stata colpita più volte alla testa e presa a schiaffi, è riuscita a rialzarsi e a raggiungere il magazzino dove lavora, raccontando il tentato stupro.

Sul posto è intervenuto subito il 118 per le prime cure. La giovane è stata poi portata in ospedale per medicare le escoriazioni riportate. Come scrive il Quotidiano Nazionale, la giovane donna ha fornito agli agenti del nucleo investigativo dei carabinieri, che stanno indagando sulla vicenda, una descrizione dei due uomini: alti, vestiti con dei giacconi in pelle, e sicuramente stranieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, bambini strattonati e colpiti alla testa: il video dei maltrattamenti nella scuola materna

prev
Articolo Successivo

Razzismo, il Napoli non segue Salvini: stop alle partite in caso di cori

next