Immaginate un appuntamento romantico. La cena è finita, una breve passeggiatina per le vie buie della città e poi, sotto un porticato poco frequentato, la fatidica domanda.

A: “Ti va di venire da me a bere qualcosa?”.
B: “Ma no, dai, domani devo alzarmi presto, forse è meglio che…”.
A: “Dai, ho dell’ottimo vino di Unicorno”.
B:”Ah! Non sapevo che esistesse una località che si chiama così”.
A: “Infatti non esiste: è proprio vino rosa fatto con le lacrime di unicorno”. 

B si guarda intorno, in preda al panico, ma non sembra passare anima viva. Taxi, nemmeno a parlarne. Allora inizia a correre all’indietro, inciampa, suda, tenta di sorridere, e in tre, quattro minuti al massimo è fuori dal campo visivo di A che alza le spalle, non capisce, va a casa e si versa un bicchiere di vino rosa.

Non è una puntata (per altro nemmeno venuta benissimo) di Black Mirror ma la nuda e cruda verità: un’azienda spagnola, la GikLive! ha deciso di produrre il Vino di Unicorno. Rosa, glitterato, fruttato. Perché? Perché il mondo sta andando a catafascio e non c’è niente che possa fermare il declino.

Il pezzo potrebbe finire qui, ma la vera motivazione di questa nuova bevanda sono i millennials che, secondo l’azienda spagnola, “non sono particolarmente abituati al vino e che non hanno provato molte altre etichette.” E quindi che fai? Gli propini, proponi, il vino fatto con le lacrime di unicorno. Che, sotto una certa luce, brilla.

Quella dei cibi “a base di unicorno” è una sorta di mania soprattutto social e questo si sa, ma che si arrivasse a produrre un vino di siffatte sembianze forse non molti se lo aspettavano. Anche perché, da qui all’immaginare un nuovo percorso “Unicorno classico” fatto di vigne arcobaleno il passo è breve. Scenografico, per carità. Ma il vino è un’altra cosa. Dall’azienda produttrice fanno sapere che “il processo di estrazione delle ‘lacrime’ è naturale ed è in attesa di brevetto”. E sono convinti che il loro prodotto sarà presto famoso in tutto il mondo. Potrebbero non sbagliarsi. E potrebbe essere arrivato il momento di far entrare in scena i Vogon.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Palpeggiata ovunque”, il video di Wanda Nara in camerino fa discutere. Poi si scatena sul toro e finisce con l’incidente hot

next
Articolo Successivo

Walter Nudo rivela: “Sono casto da tredici mesi, vi spiego perché”

next