Oggi Anna Valle è un volto di punta della fiction Rai con un curriculum pieno zeppo di titoli di successo, tutto era iniziato però il 2 settembre 1995 quando indossò, a soli 19 anni, la corona di Miss Italia, una vittoria inattesa che le ha cambiato la vita: “Non me l’aspettavo proprio, è stata una grandissima sorpresa, è stato strano perché avevo sentito i miei genitori poco prima e avevo detto ‘dai stasera finisce e torno a casa’ e invece non è stato così. Era il compleanno di mio fratello”, ha dichiarato in un’intervista con Mara Venier a Domenica In.

Immagini che ovviamente riportano alla memoria Fabrizio Frizzi, conduttore per anni della kermesse: “Di Fabrizio non si può non avere un ricordo bello, positivo e vero. Lui stava con noi durante le tantissime prove, per tantissime ragazze era la prima esperienza. Mi ricordo la grandissima tenerezza di Fabrizio nei nostri confronti e la sua capacità di farsi sentire come un compagno di giochi e di lavoro, non è mai stato lontano da noi, mai distaccato, è sempre stato molto, molto complice”, ha aggiunto la Valle.

Ricordi, quelli di Frizzi, che sembrano somigliarsi: sintomo della reale bontà del conduttore. L’attrice, protagonista della nuova fiction di Rai1 “La Campagnia del Cigno”, non ama parlare della sua vita privata, è sposata dal 2008 con l’avvocato e produttore Ulisse Lendaro da cui ha avuto due figli Ginevra e Leonardo, rispettivamente di 10 e 5 anni.

Nel corso della chiacchierata con Mara Venier ha parlato della sua carriera da attrice: “Non mi aspettavo tanti riconoscimenti, un po’ perché non faccio programmi a lungo termine e non mi pongo obiettivi lontani. Ho seguito il mio istinto, ho capito che la recitazione mi piaceva, era la mia passione e l’ho voluta fare. Sono stata fortunata perché ho incontrato persone che mi hanno saputo guidare in questo lavoro. Fondamentale per me è stato Giorgio Capitani che mi diresse in “Commesse” insieme a Nancy Brilli e Sabrina Ferilli. Da lì ho cominciato a essere presa sul serio”, ha concluso la Valle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elena Sofia Ricci: “Ora che mia madre è morta posso parlare con libertà. A dodici anni sono stata abusata”

next
Articolo Successivo

“Marco Baldini da fallito a milionario con i Bitcoin” è una fake news. Lui: “Tutto falso non abboccate, è una truffa”

next