“Convocata in Questura, bloccata per una notte e fatta salire ammanettata su un volo diretto prima a Roma e poi in Perù, la sua patria d’origine”. L’associazione Nessuna persona è illegale denuncia il caso di Alessia P.M., transgender sudamericana che quest’estate era intervenuta dal palco del Gay pride di Milano per raccontare la sua storia di discriminazione e sofferenza.

“Alessia aveva un ricorso già depositato contro il diniego di permesso di soggiorno e il foglio di via che aveva ricevuto”, spiegano da Nessun persona è illegale. “Sicura delle proprie ragioni si è presentata in commissariato, ma subito è stata trasferita in Questura. Ha fatto appena in tempo ad avvertirci con una brevissima telefonata, poi un lungo silenzio: sequestrato il cellulare, impediti i contatti con l’esterno. Poi, alle sette del mattino del 28 dicembre, dopo una notte trascorsa lì senza spiegazioni, le è stato detto che sarebbe stata condotta davanti a un giudice poche ore dopo per l’esecuzione del rimpatrio. Non le è stato concesso di contattare l’avvocata che seguiva la sua richiesta di permesso di soggiorno, che aveva tutti i documenti per dimostrare che l’espulsione era e continua a essere irragionevole; è stata deportata così, senza avere il tempo di salutare le tante persone che le sono state amiche in questi suoi anni italiani, sistemare la sua casa e i suoi affetti, scegliere che cosa portare con sé”.

Alessia, durante il Gay pride di Milano (nel video, una parte del suo discorso), aveva parlato della sua storia: “In Italia sono tre volte discriminata perché donna, transgender e immigrata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Arci: “Il documento domande-risposte del Viminale sul dl sicurezza? Nulla di vero, solo propaganda”

prev
Articolo Successivo

Gallarate, dopo lo sgombero Sinti senza casa: ‘Non sappiamo dove andare, restiamo’. Lega: ‘Nuovo campo? Se lo comprino’

next