“Convocata in Questura, bloccata per una notte e fatta salire ammanettata su un volo diretto prima a Roma e poi in Perù, la sua patria d’origine”. L’associazione Nessuna persona è illegale denuncia il caso di Alessia P.M., transgender sudamericana che quest’estate era intervenuta dal palco del Gay pride di Milano per raccontare la sua storia di discriminazione e sofferenza.

“Alessia aveva un ricorso già depositato contro il diniego di permesso di soggiorno e il foglio di via che aveva ricevuto”, spiegano da Nessun persona è illegale. “Sicura delle proprie ragioni si è presentata in commissariato, ma subito è stata trasferita in Questura. Ha fatto appena in tempo ad avvertirci con una brevissima telefonata, poi un lungo silenzio: sequestrato il cellulare, impediti i contatti con l’esterno. Poi, alle sette del mattino del 28 dicembre, dopo una notte trascorsa lì senza spiegazioni, le è stato detto che sarebbe stata condotta davanti a un giudice poche ore dopo per l’esecuzione del rimpatrio. Non le è stato concesso di contattare l’avvocata che seguiva la sua richiesta di permesso di soggiorno, che aveva tutti i documenti per dimostrare che l’espulsione era e continua a essere irragionevole; è stata deportata così, senza avere il tempo di salutare le tante persone che le sono state amiche in questi suoi anni italiani, sistemare la sua casa e i suoi affetti, scegliere che cosa portare con sé”.

Alessia, durante il Gay pride di Milano (nel video, una parte del suo discorso), aveva parlato della sua storia: “In Italia sono tre volte discriminata perché donna, transgender e immigrata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Arci: “Il documento domande-risposte del Viminale sul dl sicurezza? Nulla di vero, solo propaganda”

next
Articolo Successivo

Gallarate, dopo lo sgombero Sinti senza casa: ‘Non sappiamo dove andare, restiamo’. Lega: ‘Nuovo campo? Se lo comprino’

next