I terremoti che hanno sconvolto l’Italia negli ultimi anni sono diventati occasione di arricchimento per molti imprenditori. L’emergenza, allentando le maglie dei controlli, ha favorito una corruzione ancora più inaccettabile, se mai si possa fare una classifica del livello di indignazione. La protagonista di questa storia è Sara Vegni che, dal basso, ha trovato un modo efficace di lavorare per la trasparenza, per rispondere alla domanda che con più rabbia viene pronunciata fra le case disabitate e i cantieri a distanza di anni: “Come sono stati usati tutti quei soldi?”.

Sara ha 35 anni, è nata a L’Aquila ed è qui che oggi abita in una casetta in periferia. Ma nel 2009 viveva e lavorava a Roma, quando ci fu il terremoto che le impose di tornare nella sua terra per dare una mano. Perciò si licenzia e diventa attivista per il collettivo 3e32, dedicandosi alla sorveglianza di quanto stava avvenendo nella sua città: fondi stanziati e spesi senza alcuna informazione alla cittadinanza e soprattutto senza la sua partecipazione. Nel mare di nebbia che avvolge lo stato dei cantieri e l’uso dei fondi, lei è una forza della natura, che lotta per accendere una luce continuando a chiedere instancabilmente ciò che spetta alla cittadinanza: informazione e trasparenza. Diventa così brava in questo che Action Aid  la assume per un progetto di Open data che è attivo anche sugli altri terremoti avvenuti successivamente nel centro Italia come quello che ha distrutto Amatrice o Accumuli. Sara, fra le tante cose, organizza delle “scuole” di monitoraggio civico dedicate ad attivisti e comitati

Gli inviati di Riparte il futuro, la community digitale italiana che da anni si batte per sconfiggere la corruzione nel nostro paese, hanno incontrato 12 italiani under 40, che hanno deciso di resistere nel paese più corrotto d’Europa, sfidando con coraggio l’immobilità del sistema con attività imprenditoriali, proteste e persino opere d’arte. Le loro storie sono pubblicate ogni due giorni anche su ilfattoquotidiano.it.

Guarda le puntata precedenti:
Nicoletta Scimeca, che a Caccamo, a 17 anni, ha detto no al pizzo
Gli archeologi che dicono no alle mazzette sui cantieri
Stefano Caccavari, il 30enne che salva il suo paese in Calabria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italiani come noi, le notizie memorabili del 2018? Il vox di Ricca tra strafalcioni e reazioni alla politica del governo

prev
Articolo Successivo

Capodanno, quali sono gli effetti dei botti illegali? Ve lo spiegano Lillo e Greg nel nuovo (divertente) spot della Polizia

next