“Lei vuole che il nostro lavoro continui?”. È la domanda che un giornalista di Radio Radicale ha rivolte al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno. La storica radio romana, dopo l’approvazione ai tagli all’editoria, vede calare i propri fondi pubblici da dieci a cinque milioni di euro. “Le testate devono saper camminare sulle proprie gambe” è stata la risposta di Conte, che ha fatto l’esempio di “una prestigiosa rivista giuridica”. “Il nostro” ha continuato il primo ministro “non è un attentato alla libertà d’informazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Salvini e la politica da Masterchef. Quando il consenso si costruisce sul cibo

next
Articolo Successivo

Privacy e diritti digitali, tre cose che dobbiamo imparare dal 2018

next