In molti su Facebook lo hanno definito “sciacallo” e “insensibile”, mentre il Partito democratico attacca parlando di “una vera vergogna“. L’oggetto in questione è un post pubblicato questa mattina sulla pagina di Matteo Salvini, in cui il ministro dell’Interno appare in foto mentre fa colazione e scrive: “Il mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella, il vostro???”. Un post pubblicato poche ore dopo la forte scossa di terremoto magnitudo 4.8 che ha colpito la provincia di Catania, provocando 10 feriti oltre che danni alle chiese e alle vecchie abitazioni. Ma anche mentre sono appena cominciate le indagini sull’omicidio avvenuto nel giorno di Natale nel centro storico di Pesaro. Due killer incappucciati hanno ammazzato Marcello Bruzzese, 51 anni, pregiudicato di origini calabresi ma soprattutto fratello del collaboratore di giustizia Girolamo e sottoposto a tutela.

Proprio il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci (Pd), twitta: ”Caro ministro Salvini, c’è la città sconvolta per l’omicidio di un uomo sotto protezione, fratello di un collaboratore di giustizia. Quando ha finito pane e nutella vorremmo avere qualche informazione e rassicurazione. La ringrazio”. Intanto Salvini fa sapere che giovedì sarà “in Prefettura, a Pesaro, alle 11:30 per il comitato ordine pubblico e sicurezza”. “Intanto – tiene a sottolineare il ministro – dalle prime ore di stamattina sono in contatto costante con i vigili fuoco a Catania. Ci sono 150 unità operative al lavoro, per fortuna non ci sono morti ma i sopralluoghi continuano per monitorare la situazione”.

Mentre Pietro Grasso, già procuratore nazionale antimafia, dice a Salvini: “Meno tweet e più dossier, la sicurezza dei cittadini dipende anche dalle tue decisioni”. “Lo Stato dovrebbe tutelare chi decide di stare dalla parte della giustizia, e invece destina sempre meno risorse ai programmi di protezione, e non attiva il cambio di generalità del protetto e dei suoi familiari”, denuncia il senatore di Liberi e Uguali. Che poi annuncia: “Farò una interrogazione in Parlamento per approfondire se ci sono state delle mancanze nella deliberazione del programma di protezione. O nella sua attuazione. Mafia, ‘ndrangheta e camorra sono ancora pericolose, la lotta alla criminalità organizzata deve essere una priorità nelle azioni politiche di ogni Governo”.

“È una giornata difficile con una città colpita da un terremoto e un uomo sotto protezione ucciso a colpi di pistola. Il senso dello Stato dovrebbe venir prima di ogni cosa e invece il ministro degli Interni ci informa che fa colazione con la Nutella”, scrive su Twitter Ettore Rosato. A ricordare il terremoto della notte è anche un altro deputato Pd, Michele Anzaldi: “Salvini chieda scusa ai cittadini siciliani e si rechi subito a Catania, invece di farsi i selfie con la nutella”. “Si ripete la vergogna della notte di Ferragosto, quando i soccorritori cercavano i corpi sotto le macerie del Ponte Morandi a Genova e il leader della Lega festeggiava con una cena a base di pesce proprio in Sicilia”, conclude Anzaldi.

Anche sotto il post del vicepremier Salvini, rilanciato anche su Twitter e Instagram, tra i commenti c’è chi ricorda al ministro che il suo Santo Stefano “inizia con il terremoto…”, come scrive Pietro. “Il nostro inizia con una notte insonne – commenta Valeria – tanta paura e molto dispiacere per chi ha perso la casa…per noi catanesi non è momento da pane e Nutella”. “In Sicilia c’è stato un terremoto. Ma lei continui a rimpinzarsi, ministro, mi raccomando!”, attacca Giulia. Massimo invece ricorda invece quanto successo a Pesaro: “Hanno ammazzato il fratello di un collaboratore di giustizia che viveva in una località ‘segreta’, quindi sotto la tutela del suo ministero”.

Ma c’è anche chi difende Salvini, come Stefania che commenta: “Se a Catania cadono le case, se i vulcani eruttano, se c’è lo tsunami in Indonesia la colpa è di Salvini che mangia pane e Nutella”. Oppure Lavinia che invece lo giustifica: “Ha postato la foto appena sveglio… senza ancora sapere cosa fosse successo stanotte…ha peccato di leggerezza…”. Linea analoga a quella scelta dal ministro dell’Interno che in serata ha replicato: “Avete dei problemi ragazzi miei, se fanno opposizione criticando un ministro che mangia la Nutella, noi governeremo 20 o 30 anni. Ma io tiro dritto”. Salvini, ha così respinto le critiche in una diretta su Facebook. “Un pensiero ai politici e ai giornalisti di sinistra che vivono male anche durante le feste. Sapete oggi quale era il problema? ‘Salvini che la mattina fa colazione con pane e Nutella mentre l’Italia soffre’ – dice il ministro – Confesso questo mio enorme difetto, questo mio torto: mi piace la Nutella, la cioccolata, gli ovetti Kinder, la Girella e qualche volta il gelato”.