Una foto immortala il presidente del Consiglio Giuseppe Conte intento a suonare la chitarra ma qualcosa non quadra nello scatto: c’è infatti il capotasto prima della sua mano con l’accordo in “la minore”, cosa che rende impossibile far suonare lo strumento.”Fare finta di suonare la chitarra equivale a fare finta di essere il presidente del Consiglio. Falso come il governo”, scrive qualcuno su Twitter condividendo lo scatto, che diventa presto virale. Ma è un fotomontaggio. Succede tutto dopo la visita del premier ai bambini dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, dove si è intrattenuto con i piccoli degenti e ha suonato per loro: la scena è stata immortalata con una foto pubblicata dallo stesso presidente del Consiglio sul suo profilo Instagram. Ma nella foto originale la tastiera della chitarra è libera.

A notare il “ritocchino” nella foto è stato il blogger David Puente, specializzato nello smascherare le bufale, che subito ha fatto notare la cosa sul suo blog. Ma nel frattempo lo scatto falsificato viene condiviso anche dalla deputata del Partito Democratico Alessia Morani, che ha scritto su Twitter: “È tutto meravigliosamente finto. D’altronde #Conte finge di fare il presidente del Consiglio e può fingersi anche chitarrista”, dando così grande visibilità alla cosa. Immediata la reazione del Movimento 5 Stelle: “Morani vergognati e chiedi pubblicamente scusa. Chiedeteglielo anche voi utilizzando l’hashtag #MoraniChiediScusa”, ha scritto il capogruppo alla Camera Francesco D’Uva. Così nel pomeriggio sono arrivate le sue scuse: “Ho eliminato il tweet su Conte dove c’era una foto che avevo preso sui social: voleva essere un tweet ironico sull’operato del Presidente del Consiglio ma mi è uscito evidentemente male. Mi spiace se si è creato un equivoco. Non era mia intenzione e me ne scuso”, ha scritto su Twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Leonardo DiCaprio elogia Milano su Instagram, il sindaco Beppe Sala: “Grazie Leo, ti aspettiamo”

prev
Articolo Successivo

Una Poltrona per Due torna in onda la Vigilia di Natale, aperte le scommesse: riuscirà a superare il 12,5% di share dello scorso anno?

next