Tutte le imposte erano chiuse, non sono stati trovati segni d’effrazione né ferite sul corpo dell’attore. Lui è stato trovato senza vita sul pavimento, vicino alla porta d’ingresso che forse voleva aprire per mettersi in salvo, senza riuscirci. Giovanni Martorana, attore palermitano di 56 anni, è stato trovato morto da un parente, mandato a casa dalla mamma della vittima, preoccupata per l’insolito silenzio del figlio che non sentiva da due giorni. Ed è questo, con ogni probabilità, il tempo a cui risale la morte, dovuta secondo i primi accertamenti alle esalazioni di una stufa a legna. “Giovanni – dice l’attrice Paola Pace, che ha lavorato con lui e gli è stata molto amica – era abituato a fare tutto con le mani, aveva manualità e senso pratico. E’ duro pensare che possa essere morto così. Immagino che la stufa fosse difettosa”.

Conosciuto dai più per le apparizioni televisive (nel 2010 aveva recitato nella serie televisiva “Squadra antimafia – Palermo oggi”), Martorana “era un vero talento – ricorda Paola Pace – e già nel ’96 fu preso da Thierry Salmon ne “L’assalto al cielo”, andato in scena a Palermo e nel quale ho recitato anche io. Il grande regista belga notò subito il suo valore e, infatti, lo portò con sé a Bruxelles, dove Giovanni si stabilì per mesi e recitò in altri due spettacoli”.

Nel ’99 Marco Tullio Giordana lo volle ne “I cento passi”, dove fa la parte dello scanzonato venditore di radio. Raoul Bova lo chiamò per il suo primo film da regista, “Io, l’altro”, nel 2007. Recitò in “Malèna” e “Baaria”, di Giuseppe Tornatore; ancora con Giordana ne “La meglio gioventù”, con Ficarra e Picone, nella fiction “L’onore e il rispetto”, con Ben Gazzara, Angela Molina e Vincent Spano. L’ultima sua apparizione cinematografica nel film di Roberto Andò, “Una storia senza nome”.

Un curriculum di tutto rispetto, che “nascondeva” con la sua insofferenza per l’apparire: “Era un uomo libero, di una libertà assoluta”, sottolinea Paola Pace. E aveva deciso di vivere un po’ ai margini, “in quella casa che amava moltissimo, nella campagna di Pezzingoli, borgata di Monreale poco distante da Palermo. “Un posto difficile da raggiungere – spiega un’altra amica dell’attore, Loredana ‘Lola’ Miceli Sopo – senza una jeep. Giovanni era una persona generosa e solitaria. Per quanto poco si addica a un attore, non amava apparire e detestava i social network”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Angelo Sanzio, il Ken del Grande Fratello aggredito e picchiato: “Ho avuto paura di perdere lʼudito, sono ancora sconvolto”

prev
Articolo Successivo

Gatto si infila in uno scatolone e viene spedito per sbaglio a mille chilometri da casa

next