Aida Nizar, ex concorrente del Grande Fratello, è stata rapinata e aggredita nella notte mentre si trovava in auto insieme ad un amico. L’opinionista di Pomeriggio 5 stava girando una diretta su Instagram quando una donna con il passamontagna si è avvicinata alla macchina e ha cercato di derubare la Nizar. Aida si è inizialmente barricata nella sua auto ma poi ha deciso di abbassare il finestrino per cercare di smascherare la malvivente che però ha cercato di aggredirla ed è riuscita a sfilarle l’orologio dal polso. Il tutto tra le urla dell’ex gieffina che chiedeva al suo amico di non smettere di filmare per mostrare a tutti i suoi followers quanto stava accadendo: “Oddio aiuto, ma questo è uno ‘Scherzo A Parte’ non è possibile, è una broma, chi è quella donna, chi sei? Chi sei? Aiuto o mio Dio!”, si sente dire ad Aida Nizar nel video.

Poi, la ladra si è allontanata dalla macchina l’ex gieffina è rimasta completamente ferma, con la vettura accesa, gridando ad alta voce aiuto e chiedendo all’amico di chiamare la polizia. Ma i followers che stavano guardando la diretta hanno notato alcune stranezze e in tantissimi non hanno creduto alla rapina, ipotizzando che sia stato tutto finto. La situazione infatti gli è sembrata inverosimile e Aida Nizar sembrava fin troppo preparata nel reagire in quel modo in una situazione del genere: come si legge nei commenti, secondo molti, se fosse stata veramente rapinata e aggredita, la Nizar si sarebbe semplicemente chiusa in macchina e sarebbe poi scappata, anziché abbassare il finestrino per smascherare la delinquente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Feci sesso con Woody Allen. Avevo 16 anni ma non ho rimpianti”: la rivelazione di un’ex modella

prev
Articolo Successivo

Belen Rodriguez, il padre Gustavo lancia oggetti in strada dalla finestra: ricoverato in ospedale

next