Rudy ha figli sparsi in tutta Italia, lavora a Roma e a Milano, dove abito io, viene pochissimo. Di solito arriva il weekend, quando sono in giro per l’Italia a lavorare. E ciò rende difficile la frequentazione”. Parole di Davide Mengacci che al settimanale Nuovo ha raccontato del tentativo di ricostruire un rapporto con il figlio, Rudy Zerbi. Ma qual è stato il momento in cui Zerbi ha scoperto di essere figlio di Mengacci? “È stato un colpo pazzesco scoprire, vedendo la tv una vigilia di Natale con mia madre, che Davide Mengacci era mio padre. Mia mamma aveva appena scoperto di avere un brutto male e non voleva lasciarmi senza che io sapessi un pezzetto della mia vita e del perché io avessi questa passione per l’arte”, ha raccontato Rudy a Verissimo. Il giudice di Tu si que Vales ha scoperto quindi di essere figlio di Mengacci quando era già adulto: “Quando questo è accaduto, Rudy aveva una trentina d’anni. Era un uomo con un carattere, una personalità ben formata e un’educazione che non gli avevo dato io. Bisogna creare un rapporto, altrimenti non sta in piedi nulla. Noi lo stiamo ancora cercando, anche se i presupposti per costruire qualcosa di solido ci sono. La lontananza, però, certo non ci aiuta”. Insomma, un rapporto padre-figlio che non sembra facile da ricostruire.

 

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Marin su Federica Pellegrini: “L’ho beccata nella stanza d’albergo con Filippo Magnini. Le avevo chiesto di sposarmi”

next
Articolo Successivo

Luca Zingaretti a Telethon, il monologo che ha commosso tutti: “Che cos’è un figlio? Il futuro di tutti noi”

next