Luca Zingaretti ha commosso tutto il pubblico ieri sera con un monologo molto forte che ha aperto “Festa di Natale”, la serata di apertura della ventinovesima edizione della maratona televisiva per sostenere e finanziare la ricerca sulle malattie genetiche rare che si terrà sulle reti Rai fino al 22 dicembre. L’attore, anche quest’anno volto dello spot della campagna “Presente” di Fondazione Telethon, ha recitato in questa occasione un monologo sulla storia di John Crowley (già ispiratrice del film Misure Straordinarie) e di Rossella Passero, una ragazza con la malattia di Pompe, a cui la ricerca ha ridato la speranza di un futuro. Nella prima parte ha fatto però un appello dritto al telespettatore riferendosi ai bambini he soffrono delle malattie genetiche rare che Fondazione Telethon aiuta “c’è una domanda che non ci facciamo mai. Eppure è la domanda più importante di tutte. Cos’è un figlio? L’amore più grande, certo. Il bene più prezioso… d’accordo. Ma cosa è davvero un figlio? …. E’ molto più di questo: è il futuro. E non solo il suo futuro è quello di mamma e papà. È il futuro di tutti noi”. dona.telethon.it. E’ possibile fare donazioni chiamando il numero 45510

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Davide Mengacci: “Non passerò il Natale con Rudy Zerbi. Lui ha figli sparsi in tutta Italia e a Milano, dove vivo io, viene pochissimo”

prev
Articolo Successivo

Il mondo di Patty, parla l’attore Juan Darthes: “Io non ho violentato nessuno. E’ stata Thelma Fardin a molestare me. Se mi condannano mi uccido”

next