Tra le tante affermazioni che sono state fatte sulla tragedia di Corinaldo, ci sono quelle su Sfera Ebbasta. Questa triste tragedia ha (ri)acceso i riflettori sulle canzoni del trapper dai capelli rosa, che il 7 dicembre – giorno del suo compleanno – era atteso nella discoteca Lanterna Azzurra. C’è chi sostiene che le sue canzoni siano estremamente diseducative, soprattutto per i fan più piccoli, perché contengono troppi riferimenti a droghe e sesso.

Lo sostiene anche Federica Sciarelli, la conduttrice di Chi L’ha Visto?, che nell’ultima puntata andata in onda mercoledì 12 dicembre si è occupata proprio della tragedia anconetana. “Ovviamente noi pensiamo che non è che l’artista ha colpa di quello che succede, forse non sapeva neanche di tutti questi biglietti che venivano venduti”, la premessa della conduttrice. “L’artista può dire quello che gli pare, non c’è nessun tipo di censura per carità, e non è responsabile se qualcuno va con lo spray al peperoncino. Sicuramente però l’artista è responsabile dei suoi messaggi culturali perché ci mette la faccia come in questa compilation che vi facciamo sentire dove lui mette la sua faccia”. Al che è stato mandato in onda un estratto della canzone Hey Tipa, pubblicata nel 2016 e cantata in duetto con il rapper Gordo. Tra le frasi incriminate: “Sono una merda ragiono col ca*zo, oggi ti prendo e domani ti lascio” e “’Ste pu*tane da backstage sono luride / Che simpaticone vogliono un ca*zo che non ride / Sono scorcia-tro*e”.

Ma la riflessione della Sciarelli è andata avanti. “Noi che ci occupiamo tanto di questi delitti, corpi occultati e scomparse, certamente siamo rimasti colpiti da questo video di Sfera Ebbasta, dove c’è una donna che viene uccisa e poi viene occultato il suo corpo. Una provocazione? Giudicate voi”. Stavolta il contributo è video: è stato mostrato ai telespettatori di Chi L’ha Visto? qualche secondo del videoclip di Visiera a Becco, canzone del 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica Live, sarà la soap opera Il Segreto a prendere il posto di Barbara D’Urso?

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Corona a Striscia la Notizia: “Siete andati al Boschetto della droga prima di me? Facile di giorno. Io sono andato di notte, con il “FUOCO””

next