Amanda Tapp, vero nome di Amanda Lear, sulla carta d’identità segna 79 anni, compiuti lo scorso 18 novembre. Cantante, attrice, scrittrice, ex modella, pittrice e chi più ne ha più ne metta. Ma soprattutto campionessa di ironia e con pochi peli sulla lingua. In un’intervista a La Stampa parla dei suoi nuovi progetti, il libro “Délires” che precisa non è un’autobiografia: “Per carità, che presuntuosa la gente dello spettacolo che scrive della sua vita: mica siamo Madre Teresa o Angela Merkel. Certo, ho voluto raccontare come una persona come me, che di suo non aveva tante doti, può fare una carriera così”.

L’artista francese si dice d’accordo con la protesta dei gilet gialli e parlando della situazione italiana coglie l’occasione per dare una stoccata a Barbara D’Urso: “Con la Francia è il Paese che amo di più. Ma l’italiano come diceva Jean Cocteau, è un francese di buonumore. L’Italia attraversa un periodo difficile e non lo vive come la Francia, dove si scende in piazza e si taglia la testa al re, basta vedere i gilet gialli. Agli italiani piace divertirsi, mangiare bene. Sulla crisi ci fanno sopra una canzone, guardano Barbara D’Urso illuminata alla tv come la Madonna. E la festa è finita”.

C’era anche la conduttrice di Pomeriggio 5 tra le donne a seno nudo del programma “Stryx”, in onda nel 1978 sulle reti Rai: “Con Grace Jones e Patty Pravo stavamo con le tette di fuori, come la D’Urso, giovanissima, che faceva la comparsa. Che nostalgia di quell’Italia anni ’70, così libera. Oggi non si potrebbe fare. In tutta l’Europa siamo in un regresso totale, non si può fare più nulla. Troppo scandaloso”.

Al giornalista che come simbolo della trasgressione cita Asia Argento, la Lear risponde parlando di Macron:  “Assolutamente no. Perché è andata a letto con un minorenne che fra l’altro aveva quasi 18 anni? Emmanuel Macron a 15 anni ha fatto l’amore con la sua professoressa di quindi anni più grande di lui. Altro che Asia Argento”, ha concluso la cantante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grey’s Anatomy, Ellen Pompeo: “Patrick Dempsey non mi parla da quando ha lasciato la serie”

prev
Articolo Successivo

Domenica Live, sarà la soap opera Il Segreto a prendere il posto di Barbara D’Urso?

next