Il Mercato della Solidarietà di Don Antonio Mazzi è ormai un appuntamento fisso per la città di Milano, la diciottesima edizione sarà dedicata a Alessandra Appiano. La giornalista, scrittrice e autrice televisiva, scomparsa lo scorso 3 giugno a soli 59 anni, grazie alla sua intelligenza e intuito aveva ideato questa manifestazione portandola in poco tempo al successo. Non a caso la città meneghina nel 2013 le aveva consegnato l’Ambrogino d’oro per il suo impegno nel sociale.

“Chi viene al ‘Mercatino’ sceglie di fare shopping solidale, perché il nostro non è solo un ‘Mercatino di Natale’. Un ringraziamento di cuore a tutti quelli che ogni anno vengono a trovarci e a quelli che lo faranno quest’anno per la prima volta… potranno fare la differenza, scegliendo di mettere sotto l’albero un gesto di valore!”, ha detto Don Antonio Mazzi che più volte in questi anni aveva invitato i cittadini “col coeur in man”.

A Palazzo Giureconsulti il 15 e il 16 dicembre, dalle 10 alle 19,30, la “Fondazione Exodus Onlus” allestirà banchetti per sostenere i suoi progetti in Italia e all’estero, ci saranno diverse proposte di Natale: dagli accessori e capi di abbigliamento ai libri, giocattoli, confezioni e cesti natalizi di prodotti alimentari fino a oggettistica e strenne.

Idee regalo alternative donate da aziende amiche che credono nella solidarietà o prodotti realizzati nei laboratori della fondazione grazie ai volontari e agli amici artisti. L‘ingresso è gratuito e sarà allestito uno spazio dedicato alla degustazione che permetterà di assaporare vini e prodotti tipici regionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Baby, ecco perché non guardare la serie Netflix sulle squillo minorenni

prev
Articolo Successivo

Al Bano: “Mi piacerebbe passare il Natale con Loredana e Romina”

next