AAA cercasi fotografo disponibile ad accompagnare una famiglia nei suoi viaggi in tutto il mondo, immortalandola ad “eventi come il Gran Premio di Formula Uno a Monaco e Abu Dhabi, immersioni alle Maldive, il Mardi Gras a New Orleans e il Carnevale di Rio de Janeiro, così come lo sci in Val d’Isère”. Il tutto per uno stipendio annuo di 102mila dollari. È l’annuncio apparso sul portale Perflocal, che associa i fotografi alle persone che cercano fotografi professionisti, pubblicato da una famiglia britannica che ha voluto rimanere anonima “a causa della natura di alto profilo del lavoro del padre”.

Il lavoro inizia a febbraio e l’annuncio lo descrive come una “grande opportunità” e un “grande impegno”. Il ruolo richiede lavoro fino a 10 ore al giorno e la persona giusta dovrebbe essere flessibile, in grado di lasciare il Paese con breve preavviso e viaggiare per la maggior parte dell’anno, a volte tornando a casa solo per pochi giorni alla volta. “È possibile che si debba essere via per un massimo di tre mesi alla volta, e visiteremo posti in Europa, America, Sud America e Australia, dove possediamo un certo numero di case per le vacanze e altre residenze”, recita la richiesta.

Inoltre, tutte le spese – viaggio, vitto e alloggio – saranno coperte dalla famiglia e le prestazioni comprendono la paga piena per malattia e 30 giorni di ferie. Il contratto è inizialmente previsto per 12 mesi, con possibilità di estensione per il candidato giusto. Sfortunatamente, essere un appassionato Instagrammer non sarà sufficiente per garantire questa opportunità unica nel suo genere – il post richiede in particolare che i candidati abbiano almeno cinque anni di esperienza a scattare foto di lifestyle. Ci saranno anche rigorosi controlli in background per quelli selezionati. I candidati che soddisfano i criteri e superano gli esami di background saranno invitati a un colloquio di un weekend per vedere come vanno d’accordo con la famiglia e se la “chimica” è giusta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Regina Elisabetta furiosa con Meghan Markle: lo smalto nero è il suo ennesimo strappo al protocollo

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Corona aggredito nel “bosco della droga”, i dubbi dei commentatori: “Ma gli misurano la pressione col giubbotto?” e ancora “come mai indossa ancora il Rolex?”

next