Renzi continua a disinteressarsi del Pd? Ormai è energia distruttiva. Se non ci crede più, è meglio che esca, meglio una separazione consensuale”. Così Francesco Boccia, candidato alla segreteria dem, prima di andare a consegnare le firme necessarie per la propria candidatura alla sede del partito al Nazareno. “Su Martina convergeranno parte dei renziani? Lui non può dirsi discontinuo da Renzi, è stato suo vice e importante ministro”, ha poi attaccato Boccia, dopo la divisione in casa renziana seguita al ritiro di Marco Minniti, con un pezzo che proverà a trattare per convergere sullo stesso Martina e un’altra che sosterrà il ticket Giachetti-Ascani. Boccia invece, primo a consegnare le firme tra i candidati alla segreteria, ha rivendicato di voler “cambiare radicalmente lo stato sociale” del partito: “Deve tornare a porte aperte. Riparto da cancellazione di Jobs Act e del pessimo decreto Di Maio, così come  dall’ambiente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ddl Anticorruzione, ingorgo lavori in Aula e rischi sui voti segreti: posta la fiducia al Senato. Opposizioni contro Fraccaro

next