Renzi continua a disinteressarsi del Pd? Ormai è energia distruttiva. Se non ci crede più, è meglio che esca, meglio una separazione consensuale”. Così Francesco Boccia, candidato alla segreteria dem, prima di andare a consegnare le firme necessarie per la propria candidatura alla sede del partito al Nazareno. “Su Martina convergeranno parte dei renziani? Lui non può dirsi discontinuo da Renzi, è stato suo vice e importante ministro”, ha poi attaccato Boccia, dopo la divisione in casa renziana seguita al ritiro di Marco Minniti, con un pezzo che proverà a trattare per convergere sullo stesso Martina e un’altra che sosterrà il ticket Giachetti-Ascani. Boccia invece, primo a consegnare le firme tra i candidati alla segreteria, ha rivendicato di voler “cambiare radicalmente lo stato sociale” del partito: “Deve tornare a porte aperte. Riparto da cancellazione di Jobs Act e del pessimo decreto Di Maio, così come  dall’ambiente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ddl Anticorruzione, ingorgo lavori in Aula e rischi sui voti segreti: posta la fiducia al Senato. Opposizioni contro Fraccaro

next