È stata sgomberata l’ex fabbrica di Penicillina su via Tiburtina, a Roma. Polizia e carabinieri hanno trovato circa 40 persone all’interno dello stabile abbandonato a pochi passi dal quartiere San Basilio. Per effettuare le operazioni, l’arteria è stata chiusa in direzione del Grande raccordo anulare e i traffico è stato congestionato per un paio d’ore.

Davanti all’ingresso dell’ex fabbrica sono stati schierati blindati di polizia e carabinieri, insieme con alcune squadre dei vigili del fuoco. Al termine dello sgombero dell’ex fabbrica farmaceutica, occupata da migranti provenienti dall’Africa e da senzatetto italiani, la questura ha spiegato che non si è registrata “nessuna criticità, sotto il profilo dell’ordine e la sicurezza pubblica”.

 

Sul posto è arrivato anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini per un sopralluogo: “Dalle parole ai fatti, ripristinata la legalità“, ha commentato il vicepremier. Prima che lasciasse l’edificio abbandonato una cittadina gli ha urlato: “Sciacallo, sciacallo”. “Le persone stanno per strada grazie al tuo decreto – ha detto – così crei solo insicurezza e tensione”.

Altri due residenti del quartiere hanno sottolineato che “questo è uno sgombero farsa, si sapeva da giorni, gli occupanti sono andati via e si sono spostati in altre due occupazioni a poche centinaia di metri da qui”. Un’altra persona, al suo arrivo, ha urlato: “Salvini dov’eri prima? L’amianto ce lo lasci dentro? Questo posto è così da 30 anni – ha spiegato – perché nessuno è mai venuto a controllare? Qui c’è l’amianto in polvere che ci respiriamo da 30 anni. È uno sgombero-farsa. Chi pagherà per questi veleni che ci respiriamo?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Discoteca Corinaldo, fermato per droga il 15enne che avrebbe usato spray: in casa cocaina, eroina e contanti

prev
Articolo Successivo

Spray urticante al peperoncino spruzzato in due scuole: 53 persone soccorse

next