È stata sgomberata l’ex fabbrica di Penicillina su via Tiburtina, a Roma. Polizia e carabinieri hanno trovato circa 40 persone all’interno dello stabile abbandonato a pochi passi dal quartiere San Basilio. Per effettuare le operazioni, l’arteria è stata chiusa in direzione del Grande raccordo anulare e i traffico è stato congestionato per un paio d’ore.

Davanti all’ingresso dell’ex fabbrica sono stati schierati blindati di polizia e carabinieri, insieme con alcune squadre dei vigili del fuoco. Al termine dello sgombero dell’ex fabbrica farmaceutica, occupata da migranti provenienti dall’Africa e da senzatetto italiani, la questura ha spiegato che non si è registrata “nessuna criticità, sotto il profilo dell’ordine e la sicurezza pubblica”.

 

Sul posto è arrivato anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini per un sopralluogo: “Dalle parole ai fatti, ripristinata la legalità“, ha commentato il vicepremier. Prima che lasciasse l’edificio abbandonato una cittadina gli ha urlato: “Sciacallo, sciacallo”. “Le persone stanno per strada grazie al tuo decreto – ha detto – così crei solo insicurezza e tensione”.

Altri due residenti del quartiere hanno sottolineato che “questo è uno sgombero farsa, si sapeva da giorni, gli occupanti sono andati via e si sono spostati in altre due occupazioni a poche centinaia di metri da qui”. Un’altra persona, al suo arrivo, ha urlato: “Salvini dov’eri prima? L’amianto ce lo lasci dentro? Questo posto è così da 30 anni – ha spiegato – perché nessuno è mai venuto a controllare? Qui c’è l’amianto in polvere che ci respiriamo da 30 anni. È uno sgombero-farsa. Chi pagherà per questi veleni che ci respiriamo?”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discoteca Corinaldo, fermato per droga il 15enne che avrebbe usato spray: in casa cocaina, eroina e contanti

next
Articolo Successivo

Spray urticante al peperoncino spruzzato in due scuole: 53 persone soccorse

next