Lo dice a Uno Mattina, supportato dal “dato teologico” della parusia, cioè della fine dei tempi. Il cambiamento climatico è colpa di Satana, che agisce come forza trascendente nel cuore dell’uomo. A parlare così è il capo di gabinetto del ministero della Famiglia e della disabilità Cristiano Ceresani, in trasmissione per presentare il suo libro Kerygma, Il Vangelo degli ultimi giorni. Alle domande dei conduttori, che gli chiedono se il surriscaldamento globale sia o meno colpa dell’uomo, lui risponde: “È ovviamente colpa dell’uomo, della sua incuria, della sua avarizia, della sua ingordigia. Se abbiamo calpestato questo pianeta che è l’unico che abbiamo e che non possiamo sostituirlo è colpa dell’uomo. Ma – aggiunge – nell’uomo, come nella storia umana, agiscono forze trascendenti”. Poi spiega meglio: “Nel cuore dell’uomo agisce la tentazione. Io nel libro cerco di spiegare come il fatto che Satana negli ultimi tempi che precedono la parusia sarà scagliato sulla Terra con grande furore sapendo che gli resta poco tempo, proprio per prendere di mira il creato e la creazione è un dato teologico. Dinanzi a questo dato teologico, io faccio delle domande dico: perché ci viene rivelata questa cosa? Cioè, perché andando a leggere nelle scritture questo tema dello sconvolgimento finale viene evocato? Lo paragono a quel che accade oggi, e quel che accade è oggi è qualcosa del tutto inedito nella storia dell’umanità, che non è mai accaduto e gli scenari che abbiamo ce li hanno raccontati prima, sono molto molto pericolosi per la sopravvivenza del genere umano”. Intorno i volti interdetti di pubblico e conduttori che, però, rimangono in silenzio.

Le sue riflessioni, supportate dal “dato teologico” del ritorno di Cristo, sono tutte contenute nel suo libro, di cui parla in vari post anche sulla sua pagina Facebook.
4 dicembre: “Mentre la terra continua a surriscaldarsi e gli uragani, le inondazioni, gli incendi e gli altri eventi estremi si moltiplicano, è in corso in Polonia la #cop24 sui cambiamenti climatici, forse una delle ultime occasioni che i grandi della terra e noi tutti abbiamo per evitare un’ecatombe ecologica. Nessuno dice, però, che anche questa ennesima e assai concreta minaccia che incombe sull’umanità potrebbe esserci stata predetta affinché il pianeta possa essere salvato da ciò che già ora si sta manifestando! Vedere e leggere per credere!”.
11 novembre: “La mia prima intervista su Kerygma, in cui cerco di spiegare come le profezie bibliche sulla fine dei tempi e il Ritorno di Cristo non siano mere allegorie, versetti simbolici la cui esegesi è riservata a qualche eletto, ma come esse siano state formulate lì, nelle Scritture, per dire qualcosa di preciso e di concreto a noi, uomini increduli del terzo millennio”. In mezzo a questi due post c’è anche quello del 14 novembre, in cui Ceresani ringrazia per la “intensa e partecipata presentazione ieri alla Camera dei deputati di Kerygma – Il Vangelo degli ultimi giorni. È stata una rara e preziosa occasione per parlare di realtà invisibili, di profezie, di storia e di futuro, in un luogo speciale come il Parlamento. Un grazie di cuore a tutti”. A parlare di realtà invisibili e profezie a Montecitorio un parterre bipartisan: da Maria Elena Boschi ed Ettore Rosato a Maurizio Lupi fino a padre Pedro Barrajon (Legionario di Cristo).


Sui social l’intervento di Ceresani, rilanciato dai quotidiani online, non è passato inosservato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Scanzi: “Dopo Europee, Salvini sarà tentato di passare all’incasso. Pd? Non hanno imparato nulla, le sbaglia tutte”

next
Articolo Successivo

Pubblica amministrazione, il ddl concretezza svecchierà la burocrazia

next